Piadina

Ecco a voi la ricetta delle piadine. Ho sempre seguito questa ricetta ed oggi la ripropongo.

Dosi per circa 10 piadine – 20 cm di diametro-  😉

350 gr di farina BiAglut (formato da 1 kg)

70 gr di burro sciolto a bagnomaria

160 gr di latte fresco a temperatura ambiente

100 gr di acqua frizzante

8 gr di sale

In una ciotola, ho versato la farina setacciata, il sale e li ho miscelati. Ho aggiunto il burro sciolto a bagnomaria (raffreddato) e miscelato nuovamente. Aggiungiamo il latte e un pò alla volta l’acqua frizzante (grazie alla quale avremo le famose bollicine). Ho impastato per 5 minuti, ottenendo un composto morbido e liscio. Lasciamo riposare in frigo.
SAM_7627
(Io lascio il panetto in frigo anche per 2/3 giorni e all’occorrenza, ne metto fuori la quantità desiderata, le stendo, le cuocio e le pappo).
Prendiamo dal panetto la quantità necessaria e formiamo una pallina.
SAM_7631
Con il mattarello, ho formato dei dischi di pasta abbastanza grandi (ma potete scegliere di farli anche più piccoli).
SAM_7633
In una padella antiaderente ben calda (o meglio ancora in una piadiniera), lasciamo cuocere la nostra piadina (spessore 4 mm) per pochi minuti rigirandola spesso.
SAM_7635
Ho farcito con  “Caprese di mozzarella”, vale a dire fette di mozzarella (lasciate asciugare su di un canovaccio per 15 minuti) e pomodori enormi (lasciati asciugare anch’essi) un filo d’olio, un pizzico di sale… origano e gnam gnam.SAM_7640 SAM_7641 SAM_7643
SAM_7652La vostra Monica 🙂
Annunci

Pagnotta rustica con grano saraceno

Buongiorno.

Avevo voglia di un pane dal sapore particolare. Ho aggiunto, quindi, del grano saraceno (sapore deciso, non piace a tutti) all’impasto e guardate qui!

SAM_7584

Ho usato:

500 gr di farina  FibrePan Farmo

100 gr di farina integrale di grano saraceno Farabella 

15 gr di lievito di birra fresco (non ne ho messo di più perché volevo farlo lievitare più a lungo)

450 ml di acqua a temperatura ambiente

2 cucchiai di miele di acacia Andreini  (il grano saraceno è già abbastanza dolce di suo… aggiungendo il miele ho ottenuto un sapore particolare… un pane dolce salato. Se questo gusto non vi piace, omettete il miele)

2 cucchiai di olio evo

2 cucchiaini e 1/2 di sale

Ho preso il mio bel mixer (ho, pian piano, fatto in modo che credesse di essere una delle migliori impastatrici sul mercato), con fruste da impasto, e nella ciotola ho versato le farine. In metà acqua ho sciolto il lievito e il miele, aggiunto alle farine e azionato… ho aggiunto l’olio e dopo 2 minuti il sale. Ho aggiunto l’altra acqua e lasciato impastare per 5 minuti abbondanti.

Ho ottenuto un impasto cremoso (ma non troppo). Lasciato lievitare 2 ore, in un contenitore unto, coperto da un canovaccio, nel forno spento. Trascorse le due ore, il mio pane era gonfio. Sulla leccarda del forno ricoperta di carta forno (una spolveratina di farina di mais), ho lasciato cadere delicatamente la pagnotta, senza toccarla.  Forno al massimo della potenza… solo 220 °C 🙂 per 60 minuti (20 minuti nella parte bassa e il resto nel ripiano più alto). Non mi stancherò mai di scrivere che il mio forno è debole… quindi se il vostro forno è più potente impiegherà meno tempo… di conseguenza, controllate. Ho messo un pentolino di acciaio con dell’acqua in forno, per mantenere l’umidità e ho, 3 volte (ad intervalli di 15 minuti)  spennellato la pagnotta con acqua. Lasciata raffreddare e tagliata fredda.

SAM_7589

SAM_7591

Tagliato in più parti, ne ho congelato dei pezzi, ed oggi il pane è ancora morbido. Sapore ottimo 🙂

La vostra Monica 🙂

Fette al latte

Buon inizio settimana. Avevo promesso al mio nipotino Nicola (non celiaco) di preparare le fette al latte. Mi sono procurata tutti gli ingredienti ed ecco fatto….

 SAM_7562

Per la base ho usato:

4 uova

80 gr di zucchero

25 gr di cacao amaro in polvere consentito (io perugina con scritta senza glutine)

10 gr di miele (ho usato quello di acacia del gruppo Andreini)

1 bustina di vanillina consentita (io conad)

1 cucchiaio di acqua

35 gr di farina Farabella per dolci (sostituibile con farina di riso finissima Farabella)

Pronte?? Ho diviso i tuorli dagli albumi. Ho montato gli albumi a neve (non fermissima), con 50 gr di zucchero e li ho riposti in frigo. Con le stesse fruste, ho sbattuto i tuorli con 30 gr di zucchero, il cucchiaio d’acqua, la vanillina e il miele per circa 10 minuti…dovranno diventare chiari e spumosi. Ho poi unito i due composti, incorporando gli albumi delicatamente e ho aggiunto pian piano la farina Farabella per dolci e il cacao (setacciati)… Ho steso l’impasto su di un foglio di carta forno e posizionato sulla leccarda del forno ( 35 cm *33 cm). L’ho livellato ben bene e lasciato cuocere in forno preriscaldato a 220°C per 7 minuti (se il vostro forno è più potente….prestate attenzione).

SAM_7556

A cottura ultimata, dopo aver staccato delicatamente la carta forno,  ho lasciato riposare la pasta biscotto su di un canovaccio leggermente umido, per evitare che secchi… e nel frattempo ho preparato la crema:

170 gr di latte condensato consentito  ( Nestlè, come da prontuario Aic)

300 ml di panna da montare

2 cucchiai abbondanti di  Miele di acacia Andreini

C’è chi usa la colla di pesce. Io credo non sia necessaria in questa preparazione! 🙂

Ho montato la panna e pochi minuti prima che fosse pronta (bella soda a me piace) ho aggiunto… sempre montando… il latte condensato e il miele… Riponiamo in frigo. La nostra pasta biscotto è pronta per essere farcita; dividiamola a metà, ricopriamo con il composto di panna e ricopriamo con l’altra metà.

SAM_7560

Lasciamo riposare in frigo per un paio d’ore. Trascorse queste ore, riprendiamo il nostro dolce, tagliamo (un consiglio: per evitare che la fetta, tagliandola, si sporchi, pulite il coltello ad ogni taglio con un fazzoletto di carta..cosi poi lo gettate via 🙂 ) i lati eventualmente non dritti (mangiateli pure al momento) senza premere, ma tagliando con cura e successivamente le fette. Ho ricavato 12 fette che potrete conservare in frigo.

SAM_7568

SAM_7574La vostra Monica 🙂

Torta per il papà con crema ( senza uova ) al limoncello..

Oggi si festeggia San Gennaro..l ‘onomastico di mio padre.  Ieri ho preparato per tutti  una splendida torta senza glutine ( anche se sono l’unica celiaca in casa) rettangolare con crema al limoncello.  Per il pan di spagna? Ecco la ricetta .  Per la crema al limoncello senza uova:

500 ml di latte

130 gr di zucchero

80 gr di farina di riso Molino Chiavazza 

scorza  di limone

1 tazzina da caffè di limoncello consentito

5 gocce di essenza di vaniglia oppure 1 bustina di vanillina consentita ( io di solito uso conad con scritta senza glutine)

In un pentolino ho riscaldato il latte con la scorza di limone. In una casseruola ho versato lo zucchero, la farina di riso e ho miscelato. Quando il latte è ben caldo..ma non bollente.. l’ho versato a filo  (eliminando le scorze) sulla farina e sullo zucchero mescolando continuamente.

A questo punto ho aggiunto l’essenza di vaniglia e metà tazzina di limoncello. A fuoco dolce,  ho lasciato rapprendere la crema e aggiunto ( a fuoco spento),  l’altra metà di limoncello..sempre mescolando. Lasciamo raffreddare.

Ho bagnato leggermente il pan di spagna, tagliato orizzontalmente, con uno sciroppo ( freddo) di acqua , zucchero di canna e altra scorza di limone …lasciato bollire per 7 minuti circa. Questo pan di spagna è molto morbido..quindi potete anche non bagnarlo.

Ritorniamo a noi. Nella crema al limoncello ho aggiunto  ( incorporandola dal basso verso l’alto) 200 ml di panna montata.  Ho decorato, lateralmente,  con ciuffetti di panna ….un piccolo strato nella parte superiore e poi?? 150 gr di cioccolato bianco consentito ( io ho usato perugina Tablò con scritta senza glutine) passato al mixer e ridotto a scagliette. SAM_7552

SAM_7548

La vostra Monica 🙂

Focaccia con fiocchi di patate ( primo esperimento)

Anche io ho ceduto , per fortuna, al desiderio di assaggiare questa meravigliosa focaccia. L’ho scoperta grazie alle mie amiche glutenfree 🙂 e non potevo non assaggiarla. La ricetta è di Un cuore di farina senza glutine. Non ho usato le stesse farine..ma ho voluto provare la farina del gruppo Revolution new food- mix pane pizza.

500 gr di farina Revolution new-food mix pane pizza

1 bustina da 70 gr di fiocchi di patate consentiti ( ho usato selex con scritta senza glutine)

600 gr di acqua ( la mia focaccia è venuta leggermente umida)

20 gr di lievito di birra fresco

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di sale

20 gr di olio evo

per la copertura 1 cucchiaio di acqua, 2 di olio e 1 cucchiaino di sale

Non ho lavorato l’impasto nella macchina del pane, ma ho usato lo sbattitore con fruste da impasto.  Ho sciolto il lievito in metà acqua e aggiunto lo zucchero. Nel contenitore dello sbattitore ho versato la farina….l’acqua con il lievito, l’olio. Era la mia prima volta con i fiocchi..quindi li ho lasciati ravvivare nell’altra metà d’acqua  ( la prossima volta amalgamerò il contenuto della bustina alla farina) e poi versati nello sbattitore… e infine il sale. Ho lasciato impastare per 5/7 minuti. Ho versato il composto in una scodella più grande, unta..e ho lasciato lievitare per quasi due ore..
SAM_7509

Dopo la lievitazione…ho versato sulla leccarda del forno ( ricoperta di carta forno), senza rilavorare e con le mani bagnate ho steso l’impasto. Ho poi fatto i buchi con le dita  e cosparso con l’emulsione di olio , acqua e sale. Ho lasciato lievitare ancora per 20 minuti. In forno preriscaldato a  200 °C per 30 minuti ( forno lento e debole), prima nella parte bassa del forno e poi in quella alta . Buonissima. Grazie A Un ❤ di farina senza glutine.

SAM_7517

La vostra Monica 🙂

Pan brioche con Farina Bezgluten

SAM_7461

460 gr di latte

18 gr di lievito di birra fresco

3 tuorli ( prima di versarli nel contenitore pagnotta, li ho  leggermente sbattuti con l’aiuto di un forchetta)

70 gr di burro ( molto morbido, ma non liquido)

80 gr di zucchero semolato

500 gr di farina Bezgluten  

5 gr di sale

L’obiettivo era quello di preparare un ottimo pan brioche che mi accompagnasse nella colazione. Ho, come primo esperimento, utilizzato farina Bezgluten . Una farina destinata alla preparazione di tutti i prodotti da forno sia dolci che salati. La farina Bezgluten inoltre, non contiene lattosio o derivati del latte…e non contiene uova.

Ma prepariamo il nostro bel pan brioche.  Ho portato tutti gli ingredienti a temperatura ambiente. Ho sciolto il lievito nel latte e inserito il tutto nel contenitore Pagnotta.

Dopo pochi istanti ho inserito gli ingredienti nell’ordine indicato. Ho preferito setacciare la farina prima di inserirla. Ho selezionato il programma 1, livello di doratura  Chiara e ho dato inizio alla lavorazione premendo il tasto Start. Dopo 2 ore  e 9 minuti il pan brioche sarà pronto. Lasciamo raffreddare su di una griglia. La sera ho assaggiato in compagnia della mia dolce metà, una fetta di pan brioche….il sapore del lievito era ben distinto…. forse perché ancora tiepido ( la farina non ha retrogusti strani)…..ma il giorno seguente…il sapore del lievito era sparito. Ho tagliato il pan brioche a fette e ne ho congelato la metà….. resta morbido il giorno seguente…. e con su la nutella……  SAM_7456SAM_7440

La vostra Monica 🙂

Pizza con pancetta, rucola e scaglie di parmigiano

Buon pomeriggio. Quest’oggi vi propongo una pizza buonissima preparata con farina senza glutine del gruppo Le 5 Stagioni.

SAM_7473

Gli ingredienti del semilavorato per la preparazione della pizza sono: Farina di riso, amido di mais, fecola di patate, destrosio, sale, farina di semi di guar, fibra vegetale, emulsionante E471, addensante E464, agente lievitante E576.

E’ una farina che assorbe molta acqua e incontra delle difficoltà nella lievitazione. Anche se negli ingredienti è presente l’agente lievitante E576, ho comunque aggiunto del lievito di birra ( dietro gentilissimo consiglio della grande Olga B.)

SAM_7471

500 gr di farina

15 gr di lievito di birra + 1 cucchiaio di zucchero

360/380 gr di acqua..controllate l’impasto man mano che si aggiunge acqua (scusate se non vi fornisco una quantità esatta di acqua..ma con 3 nipoti in cucina dovevo essere veloce)

1 cucchiaino raso di sale ( preferisco non esagerare)

1 cucchiaio di olio evo

Preso il mio bel mixer con fruste da impasto. Ho sciolto il lievito in metà quantità d ‘acqua aggiungendo un cucchiaio raso di zucchero per attivare la lievitazione. Ho versato la farina nella ciotola del mixer e aggiunto l’acqua con il lievito sciolto. Attiviamo il mixer e pian piano versiamo l’acqua, l’olio e infine il sale ( controllate se ha bisogno di altra acqua). Lasciamo impastare per 5 minuti.  Versiamo l’impasto su di un piano e lavoriamolo delicatamente aiutandoci con altra farina (ho preferito mantenere l’impasto morbido proprio per non rendere difficile  la lievitazione). Ho deciso inoltre, di stendere la pasta su carta forno e successivamente lasciarla lievitare per almeno 2 ore… non lievita molto ..ma è comunque buona. Ho condito con passata di pomodoro..olio..sale..basilico…cubetti di pancetta consentiti ( da inserire a metà cottura),  foglie di rucola e scaglie di parmigiano ( da inserire a forno spento).  Forno a 200 °C per circa 35 minuti.. controllate la cottura perché purtroppo il mio forno è debole.

SAM_7468

La vostra Monica 🙂

Crostata di ricotta, caramello e amarene ( conosciuta come Sofialoren)

Buon pomeriggio. Vi ricordate della mia crostata di ricotta ??  Ora vi racconto come l’ho conosciuta.  In uno dei tanti pranzi domenicali con sorelle…mariti e bambini…… al momento del dolce, in un vassoio bello grande….ho notato questo dolcino..in versione glutinosa e monoporzione con il nome di SofiaLoren ( non conosco la storia di questo dolce purtroppo, so solo che è prodotto da una pasticceria aversana molto famosa). Bhè dopo un primo tentativo ..ho apportato una leggera modifica all’impasto della base della crostata….

Questa volta ho aumentato le dosi…..

225 gr di farina ( io ho usato farina Farabella per dolci )

2 cucchiai di cacao amaro consentito

120 gr di burro

2 tuorli

la scorza di un limone

110 di zucchero a velo

1 pizzico di sale

Ecco il procedimento, con l’unica differenza di aver aggiunto il cacao alla farina. 🙂

SAM_7376

SAM_7381

Il cacao ha reso l’impasto molto friabile..ho quindi steso la pasta direttamente su carta  forno

Cottura  a 200 °C ( preriscaldato) per 30 minuti. Per la crema di ricotta: questa volta ho usato

600 gr di ricotta romana ( bella compatta)

150 gr di zucchero a velo ( se avete in casa Zefiro Eridania  va benissimo)

3 cucchiai belli pieni di caramello consentito ( ho usato mini topping Fabbri )

1 bustina di vanillina consentita ( conad con scritta senza glutine)

2 tappini di limoncello

Amarene quanto bastano per decorare ( Amarena Fabbri  per me)

Ho montato la ricotta con lo zucchero a velo con le fruste del mixer per 5 minuti, aggiungendo gli aromi e infine il caramello. Quando la nostra base sarà bella fredda…. ho versato la crema in una sac à poche ( senza beccuccio) e decorato  la base. No dimentichiamo le amarene (tagliate a metà e lasciate asciugare su di un tovagliolino di carta) , mettiamone a piacere  e infine…..una spruzzata abbondante di caramello.  Consiglio sempre di prepararla il giorno precedente..in modo da lasciar amalgamare i sapori.

SAM_7398SAM_7401SAM_7404

La vostra Monica 🙂