Ciambelline per la colazione

Buon pomeriggio amici carissimi. E’ da un pò che non ci si legge, il caso ha voluto che fossi selezionata per un tirocinio formativo nella farmacia comunale del mio paese. Eh sì farmacia, avete capito bene! Ho una Laurea in Scienze della pubblica amministrazione, e in attesa di concorsi “giusti” ho subito accettato, anche perchè mi occuperò di marketing farmaceutico.

Sono trascorse solo tre settimane dall’inizio del mio tirocinio e sono ancora alle prese con l’organizzazione del mio tempo, anche perchè lavoro otto ore al giorno con il sabato e la domenica liberi, per fortuna. Comunque tornando a noi, si fa più forte la necessità di preparare panificati e dolci per l’intera settimana.

Mentre la mia zero-glu è in azione per una pagnotta calda e duratura, ho invece già sfornato questi tarallini ottimi per la colazione del mattino. Sono tarallini semplici negli ingredienti e davvero buoni. Ecco la ricetta:

 

SAM_9968

 Ingredienti per 13 ciambelline

500 gr di farina alimenta 2000 per pasta frolla

3 uova

200 gr di zucchero semolato (per me zefiro Eridania)

140 gr di burro a temperatura ambiente

una bustina di lievito in polvere  (per me San Martino)

la punta di un cucchiaino di vaniglia

buccia grattugiata di un limone intero

Accendiamo il forno a 180° C. Setacciamo la farina con il lievito, disponiamola a fontana in una ciotola e, al centro, mettiamo il burro morbido e incorporiamolo alla farina sgretolandolo completamente, aggiungiamo gli aromi (limone e vaniglia), impastiamo il tutto velocemente e, qualora dovessimo averne bisogno, aggiungiamo 1/2 cucchiai di latte fino ad  ottenere un composto abbastanza morbido. Dall’impasto formare tanti cordonicini spessi un centimetro e lunghi circa 20 cm, chiuderle alle estremità e lasciare cuocere sulla leccarda del forno foderata con carta forno per 30 minuti circa, fino  a doratura. La ricetta originale prevede che queste ciambelline vengano glassate con una finitura preparata con zucchero a velo e albume d’uovo, ma io ho preferito spennellarle con un pò di latte e una spolverata di zucchero di canna.

SAM_9971

 

SAM_9963

La vostra Monica 😉 <3<3

Torta cioccolattosa di Rita

Buongiorno amici di “La cucina di NiMo”.

Qualche giorno fa ho postato la foto di una torta che avevo preparato per il compleanno di Rita (l’ottima cuoca napoletana che prepara una parmigiana di melanzane incredibilmente buona). Ama la cioccolata, ama le fragole e i dolci liquorosi e quindi ho pensato di preparare una torta che contenesse tutti gli ingredienti da lei amati.

SAM_9722

Per il pan di spagna (versione con lievito per dolci):

6 uova intere

180 gr di zucchero semolato (per me Eridania)

150 gr di farina Farabella dolci

30 gr di cacao amaro consentito (per me S. Martino)

1 bustina di lievito per dolci ( per me S.Martino)

Accendiamo il forno a 180°C. Nello ciotola dello sbattitore, ho inserito lo zucchero e le uova intere, attivato il mixer e lasciato montare per 5 minuti abbondanti. Otterremo un composto chiaro e spumoso. In una ciotola setacciamo le polveri (farina, cacao e  lievito) e incorporiamole delicatamente al composto di uova e zucchero con movimenti dal basso verso l’alto. Con questa dose, ho preparato due pan di spagna  perché volevo una torta dal diametro contenuto ma alta (tre strati). Ho usato, quindi, due contenitori di alluminio (imburrati e infarinati bene) usa e getta per torte del diametro di 19 cm e alto 4 cm. Ho scelto questa dimensione in modo da poterli cuocere contemporaneamente sullo stesso piano del forno, dopo aver distribuito l’impasto in due parti uguali e lasciato cuocere per 40 minuti (prova stecchino). Lasciamo raffreddare su di una griglia.

Prepariamo uno sciroppo lasciando bollire per pochi minuti 200 ml di acqua con 70 gr di zucchero semolato, ho lasciato che freddasse e ho aggiunto 50 ml di liquore a piacere.

Tagliamo orizzontalmente i due pan di spagna; otterrete così 4 dischi. Io personalmente ne ho usati 3.  Ho versato le due creme in due sacche da pasticcere. Ho bagnato il primo disco e ho formato delle spirali partendo dalla ganache, come potete vedere in foto e continuare fino all’ultimo disco. Ho ricoperto la torta con altra crema al latte.

 SAM_9715

Per la copertura laterale, ho usato 100 gr di cioccolato fondente sciolto a bagnomaria. Per la procedura cliccate qui.

Per la ganache al cioccolato fondente, con cui farcire il pan di spagna, cliccate qui.

Per la crema al latte un altro link  per voi 🙂  (in totale ho usato 500 ml di panna, 200 ml per la ganache e i restanti 300 ml per la crema al latte con la quale ho poi anche decorato la torta).

Ho decorato con panna, fragole e chocaviar Venchi.

 

SAM_9739

 

SAM_9724

 La vostra Monica 🙂

 

La mia nuova collaborazione con Eridania, zucchero d’infanzia!

Buongiorno. Sono qui a scrivervi di una nuova collaborazione.

ERIDANIA SWEET AMBASSADOR

Eridania ha scelto  “La cucina di NiMo” per pubblicizzare lo zucchero per eccellenza.  E’ questa una collaborazione molto sentita perché legata ai miei ricordi di infanzia, ricordi legati a mia madre che dagli scaffali del supermercato  ha acquistato sempre e solo Eridania.

Nel pacco inviatomi ho trovato:

1 confezione di zucchero classico (il primo zucchero dal 1899) nell’astuccio da 1 kg munito di erogatore. Disponibile in formati diversi, ideali per ogni momento della giornata.

1 confezione di zucchero Eridania Zefiro composto da cristalli puri, luminosi e sottili che si sciolgono immediatamente. Infatti Zefiro è ideale per la preparazione della pasta frolla o ancor più semplicemente per addolcire macedonie.

1 confezione di Eridania Tropical, zucchero bruno di canna ideale per le tisane e per i miei cocktail domenicali. Personalmente ne aggiungo un solo cucchiaino al mattino nella mia tazzona di latte e tutto appare più dolce 😉

Passiamo poi allo zucchero a velo. Per noi celiaci, lo zucchero a velo è un alimento a rischio. Dobbiamo quindi scegliere con attenzione… E lo sapevate che lo zucchero a velo Eridania vanigliato (e non) ha la famosa scritta “senza glutine”?! Ebbene sì, possiamo acquistarlo tranquillamente (disponibile nella comoda bustina da 125 gr) ed usarlo per decorare o glassare le nostre preparazioni. Usato e consigliato anche da famosi chef  perché ideale per la preparazione di dessert senza cottura.

SAM_9585

SAM_9580

A presto allora con tantissime nuove ricette senza glutine a marchio Eridania.

La vostra Monica 🙂