Pagnotta “Ad ogni ora”al grano saraceno

Buongiorno amici miei.

Un nuovo post, un nuovo pane per me che ne vado matta. Ho preparato questa pagnotta e l’ho terminata dopo pochissimi giorni. Sono stata ferma qualche mese, tre per l’esattezza. Sono in attesa di un bimbo/bimba e i primi tre mesi sono stati duri…molta nausea e voglia di mangiare pari a zero. Tranquilli, per fortuna ho già recuperato. Ho ancora dei momenti in cui la nausea arriva…ma molto più raramente rispetto a prima.

Io e il mio blog abbiamo avuto il piacere di provare una nuova farina della linea Ad ogni ora”. Cliccando sul sito potrete conoscere tutta la varietà di prodotti che quest’azienda ci offre. Ho ancora da provare il mix per dolci della stessa azienda. 😉

IMG_3981

 

Per preparare questa bella pagnotta ho iniziato  preparando un lievitino con

150 ml di acqua

150 gr di farina per pane “Ad ogni ora”

8 gr di lievito di birra fresco

Intorno alle 13,  ho, come prima cosa, sciolto il lievito nell’acqua e aggiunto il tutto alla farina mescolando con una forchetta evitando la formazione di grumi. Lasciamo riposare il composto in frigo fino alle 20 circa. A quel punto riprendiamo il lievitino:

Ecco gli ingredienti rimanenti:

500 gr di farina,

90 gr di farina di grano saraceno bianca consentita

90 gr di farina di grano saraceno consentita

350 ml di acqua

tre cucchiai di olio evo

un cucchiaino raso di sale fino

Nella ciotola del mixer (con fruste a spirale) versiamo le farine, aggiungiamo il lievitino,  l’olio e azioniamo il mixer a media velocità. Continuiamo ad aggiungere l’acqua a filo. Quando avremo terminato, aggiungiamo il sale e mixiamo ancora. Ho ottenuto un composto cremoso, non liquido. Con l’aiuto di un po’ d’olio, date all’impasto la forma di una sfera che lascerete lievitare tutta la notte in frigo, nello scomparto meno freddo. Ho scelto, per far riposare l’impasto, una ciotola bella tonda che ho foderato di pellicola trasparente, a sua volta leggermente unta. Il mattino seguente, alle sette, ho messo la ciotola fuori dal frigo e son ritornata a dormire hihihihihih. Il pane ha lievitato fino alle 12:30, quando cioè ho rovesciato la ciotola, con dentro il pane, su carta forno.

A quel punto accendiamo il forno a 200°C, modalità ventilata (il prossimo pane con modalità statica). Quando sarà ben caldo, con l’aiuto dei guanti da cucina facciamo scivolare il pane sulla leccarda con tutta la carta forno. Ho lasciato che cuocesse prima nella parte bassa per 15 minuti. Altri venti minuti nella parte centrale del forno ed il gioco è fatto. Ovviamente questi sono i tempi che il mio forno ha impiegato. Il vostro potrebbe impiegarci molto di più o di meno. Prestate quindi sempre attenzione. Una cosa che ultimamente sto facendo è di sostituire la carta forno, qualora quest’ultima dovesse colorirsi troppo…

IMG_3977IMG_3979Non ci sono retrogusti, ne odori forti. La crosta resta poco spessa ed è gustosa. Il pane ha anche superato la prova del congelamento. All’occorrenza lo tiro fuori dal freezer, lo scongelo e mi diverto. Preparai infatti delle ottime bruschette con pomodorini, olive nere, capperi e basilico, questo dopo aver fatto abbrustolire le fette di pane nel tostapane. 😉

Panini agli spinaci e parmigiano

Buongiorno amici de “La cucina di NiMo“, oggi è venerdì e vi propongo per il Gluten Free (Fri)Day dei panini rustici con spinaci e parmigiano.

SAM_0361

Come sempre, ho scelto il poolish quale metodo di lievitazione.

Dosi per 9 paninetti.

Alle 14:00 del pomeriggio ho sciolto 6 gr circa di lievito di birra secco in 200 gr di acqua che ho a filo aggiunto ai 100 gr di farina nutrifree. Ho ottenuto così un composto quasi liquido, senza grumi, che ho lasciato riposare tutto il pomeriggio fuori dal frigo.

Alle 21 dello stesso giorno, nella ciotola del mixer con fruste a spirale, ho versato:

500 gr di farina vivifree mix per pane e pizza (una nuova farina che entrata nella mia dispensa. Non ha retrogusto o odori strani. Contiene al suo interno lievito madre di riso essiccato. Il lievito madre essiccato non sostituisce il lievito, dobbiamo comunque aggiungerne all’impasto)

il poolish e attiviamo il mixer a minima velocità. Dopo due minuti circa, aggiungiamo a filo 250 ml di acqua e, infine, un cucchiaino raso di sale. Lavoriamo per 5 minuti anche aumentando la velocità. Ho ottenuto un composto cremoso, ma non troppo, che ho messo a lievitare in una ciotola (unta), in frigo, per tutta la notte.

Per essere in regola sulla tabella di marcia 😉 potreste già sbollentarvi 150 gr di spinaci (pesati da cotti) e tagliuzzarli con delle forbici.

Ponete già fuori dal frigo 90 gr di strutto consentito in modo da trovarlo cremoso il mattino seguente.

Il mattino seguente l’impasto risulterà lievitato ma non eccessivamente, non preoccupatevi. Riversate il composto nella ciotola del mixer, aggiungete gli spinaci e incorporateli a bassa velocità, il parmigiano grattugiato (due cucchiai) e lo strutto. Vi sembrerà di ottenere un composto non lavorabile a mano, versatelo su di un piano ben infarinato (avevo terminato la vivifree e ho usato quindi la nutrifree mix pane). Con l’aiuto di un po’ di farina di spolvero, formate dei paninetti della dimensione desiderata (valutate che dovranno lievitare). Qualora non doveste riuscirci con le mani, potete anche formare i panini con l’aiuto di due cucchiai, come se voleste formare delle quenelle. Come dicevo, formate i paninetti e riponeteli su carta forno. Lasciate lievitare fino alle 12 e 30. Ho preferito, questa volta, usare per la cottura lo sfornatutto delonghi, più potente del mio forno tradizionale. Ho lasciato cuocere i panini (200 °C) per 15/20 minuti prima nella parte bassa del fornetto e poi nel ripiano più alto. Dovranno dorare. Gustosi, morbidi e profumati.

 SAM_0369

SAM_0377

SAM_0372

La vostra Monica 😉

Pane croccante

Una nuova ricetta per una farina nuova per me, quella di Piaceri Mediterranei (una farina che regala una crosta croccante e nessun retrogusto). Era in dispensa da qualche mese e ora finalmente ho potuto provarla. Mi sono fatta aiutare dal poolish, dalla glutafin e dal teff perché a me l’integrale piace un sacco.

SAM_0340

Ecco gli ingredienti:

per il poolish (da preparare la sera prima) ho sciolto 10 gr di lievito di birra in 200 gr di acqua che ho a filo aggiunto ai 100 gr di farina nutrifree. Ho ottenuto così un composto quasi liquido, senza grumi che ho lasciato riposare in frigo tutta la notte.

Il mattino seguente nella ciotola del mixer con fruste a spirale versiamo:

300 gr di farina Piaceri Mediterranei

200 gr di glutafin select

100 gr di farina di teff bianca Lt Africa Teff

il poolish e attiviamo il mixer, dopo pochi istanti iniziamo a versare l’acqua (260 ml in totale) a filo un po’ per volta. Ho preferito aggiungere anche due cucchiai di olio evo e per finire due cucchiaini rasi di sale. 😉 Lasciamo impastare ancora per circa 5 minuti prima a media velocità e poi ad alta velocità.

Per le 8 e 30 l’impasto era pronto. In una ciotola, ho messo un canovaccio che ho ben infarinato (con farina di mais), ho poi versato l’impasto, ripiegato i lembi del canovaccio e lasciato lievitare fino alle 12 e 50. La mia cucina è abbastanza fredda di questi tempi; ho, quindi, per aiutare la lievitazione, messo in forno un pentolino con dell’acqua che avevo portato quasi a bollore, rischiavo di rimanere senza pane per pranzo ;-).

SAM_0345

Forno preriscaldato al massimo (220°C). Posizioniamo il pane (che avremo spennellato con emulsione di acqua e olio) su di un foglio di carta forno, prima nella parte bassa del forno, con leccarda messa al rovescio (per 20 minuti) e per altri 20 minuti nella parte alta. Il mio forno non funziona bene, quindi impiega molto più tempo :-(… pertanto, state attenti e controllate il vostro pane durante la cottura.

 SAM_0333

Focaccia contorta

Buona Domenica amici cari. Oggi vi propongo la focaccia contorta. La ricetta della focaccia contorta  l’ho “sglutinata” dal blog Fables de sucre

 SAM_9872

 La ricetta originale prevede pasta madre, io ho usato lievito di birra e metodo di lievitazione indiretto quale il poolish.

Ecco gli ingredienti: per il poolish: alle 11 e 30 del mattino (di solito preparo il poolish la sera per poi utilizzarlo di mattina, ma questa volta  per coincidenze varie mi sono organizzata diversamente)

200 gr di acqua nella quale ho sciolto 6 gr di lievito di birra fresco 100 gr di farina speciale per pane pizza Molino Dallagiovanna

Aggiungiamo, a filo, l’acqua alla farina evitando la formazione di grumi e lasciamo riposare il composto fino a sera. Questa volta ho notato che la farina tende a posizionarsi sul fondo e l ‘acqua sulla superficie. Non preoccupatevi, rimescolate eventualmente solo un volta cosi come ho fatto io.

 

Intorno alle 21, nella ciotola del mixer con fruste a spirale ho versato

300 gr di farina speciale pane pizza Molino Dallagiovanna

50 gr di farina di teff bianca LT Africa srl

10 gr di miele

il poolish a filo e attivato il mixer a bassa velocità

Continuiamo aggiungendo l’acqua un po’ per volta. 120 gr di acqua (in altri 20 gr di acqua sciogliamo il sale-10 gr di sale- e conserviamolo, lo aggiungeremo solo alla fine).

Quando i 120 gr di acqua saranno assorbiti aggiungiamo l’acqua nella quale avremo sciolto il sale. Concludiamo incorporando a filo, a più riprese, 25 gr di olio evo. Lasciamo impastare per 5 minuti, ottenendo un composto morbido che lasceremo a temperatura ambiente per una sola ora e successivamente lievitare tutta la notte, in frigo, nella parte meno fredda, in una ciotola unta e coperta con telo umido o pellicola per alimenti. Il mattino seguente, riprendiamo l’impasto, sgonfiamolo e formiamo con l aiuto di poca farina un cordone lungo dello spessore di 2 cm e quasi lungo 2 m.

SAM_9849

A questo punto attorcigliamolo su stesso il cordone, fate con calma e delicatamente, la nostra farina non consente “attorcigliamenti” forti e decisi. Riponiamo in una teglia unta (ricopriamo con pellicola) e lasciamo lievitare fino al raddoppio. La mia ha lievitato per 4 ore. Ho condito con pomodorini, una patata tagliata a cubetti e precedentemente sbollentata un solo minuto, capperi, sale e olio. Inforniamo in forno caldo a 200°C per 30/35 minuti fino a doratura.

SAM_9865

SAM_9854

La vostra Monica 😉

Pizza con patate ( con farina Bezgluten)

Buongiorno. Ancora un volta pizza con patate, ma questa volta è cambiato il metodo di lievitazione.

Per il poolish:

100 gr di farina bezgluten

200 gr di acqua

1 cucchiaino raso di lievito secco

(Verso le 21…) In una ciotola, versiamo la farina e aggiungiamo a filo, per evitare la formazione di grumi, l’acqua nella quale avremo sciolto il lievito. Il composto così ottenuto dovrà fermentare fino al mattino seguente.

Nella ciotola del mixer (con fruste a spirale) aggiungiamo:

420 gr di farina (sono questi i soli grammi che avevo)

1 cucchiaio di olio evo

200 gr di acqua

Attiviamo il mixer a media velocità e dopo due minuti aggiungiamo tutto il poolish. Lasciamo lavorare il mixer ancora due minuti, aggiungiamo 1 cucchiaino raso di sale e continuiamo ad impastare per 5 minuti.  Ho ottenuto un composto cremoso che ho lasciato lievitare in una ciotola unta (dalle 8 e 30 del mattino fino alle 11 e 30 circa).

SAM_9609

 Verso le 11 e 30  (se avete tempo a disposizione potete lasciare lievitare ancora), ho versato l’impasto su di una spianatoia ricoperta di farina di riso,  ancora un po’ di farina sull’impasto, ho dato le pieghe, e steso (non troppo sottile), aiutandomi con un po’ di farina, l’impasto sulla leccarda del forno foderata di carta forno.

Lasciate lievitare ancora un’ora, condite con uno strato di formaggio filante oppure sottilette (dove potrete leggere “senza glutine”), uno strato sottile di patate tagliate a fettine non spesse. Condite con parmigiano, sale, rosmarino e un filo d ‘olio. Ho lasciato che cuocesse a 200 °C per 35/40 minuti, prima nella parte bassa del forno e poi nella parte alta. Per il mio forno questi minuti non sono tanti…se il vostro forno è più potente impegherà minor tempo, quindi controllate.

SAM_9622

SAM_9627

La vostra Monica 🙂

Filoncini con farina pane-pizza Molino Rossetto

Buongiorno a tutti amici.

Oggi vi presento un nuovo preparato per pane-pizza senza glutine Molino Rossetto. Gli ingredienti sono amido di mais, farina di riso, amido di tapioca, zucchero, addensanti, gomma di tara e gomma di xantano, sale, fibra di Psyllium, emulsionante, mono e digliceridi degli acidi grassi.

Sulla confezione sono indicati i metodi di preparazione di pane o di pizza. Il lievito secco lo troverete inserito nell’involucro interno. Io ho preferito una lievitazione indiretta in modo da sfruttare appieno le caratteristiche della farina stessa.

Ingredienti per il poolish da preparare la sera precedente intorno alle 21: mescoliamo 100 gr di farina pane pizza Molino Rossetto con 200 gr di acqua, nella quale avremo sciolto 1 cucchiaino raso di lievito secco. Lasciamo riposare a temperatura ambiente.

Il mattino seguente, nella ciotola del mixer con fruste da impasto, ho inserito nell’ordine indicato:

400 gr di farina

230 ml di acqua

tutto il poolish

pochissimo sale, perché già presente nel preparato

Ho lasciato lavorare il mixer per abbondanti 5 minuti. Il composto così ottenuto dovrà lievitare fino al raddoppio. Il mio ha lievitato dalle 8 e 15  fino alle 12. Ho versato l’impasto su di un piano infarinato, ho formato (senza reimpastare) 4 filoncini (spennellati con emulsione di acqua e olio) e lasciato cuocere per circa 25 minuti a 200 ° C fino a doratura.

SAM_9593

SAM_9597

SAM_9603

 

I filoncini sono davvero buoni, non induriscono il giorno seguente anzi restano morbidi.

La vostra Monica 🙂

Focaccine (con metodo poolish)

Buongiorno amici e buon Gluten Free fri(Day).

Oggi vi presento delle focaccine molto buone e leggere, morbide dentro e croccanti fuori, caratteristiche ottenute grazie al poolish, un metodo di lievitazione indiretto consistente nella preparazione di un “preimpasto” ottenuto miscelando acqua, farina e lievito in piccolissime quantità (che varia in base alle ore di lievitazione). Nel caso di preparazioni glutinose, misceliamo 100 gr di farina con 100 gr di acqua; nelle preparazioni senza glutine il rapporto è diverso; 200 gr di acqua per 100 gr di farina. Quello che alla fine otteniamo, che di solito viene chiamato “brodo”, lo lasceremo lievitare dalle 10 alle 12 ore.

ingredienti per il poolish:

100 gr di farina mix B

200 gr di acqua

2 gr di lievito di birra

In una ciotola, versiamo la farina e, mescolando, aggiungiamo l’acqua nella quale avremo sciolto il lievito. Otteniamo un composto che lasceremo lievitare dalle 10 alle 12 ore; io lo preparo la sera intorno alle 10 per poi riprenderlo il mattino seguente alle 8 circa.

Il mattino seguente, nella ciotola del mixer con fruste ad impasto, ho versato:

180 gr di farina Giusto

140 gr di nutrifree mix pane

100 ml di acqua

…ho attivato il mixer e, dopo tre minuti, ho aggiunto il poolish. Lasciamo impastare ancora qualche minuto e aggiungiamo la punta di un cucchiaino raso di sale e, infine, due cucchiaini di strutto (potete sostituirlo con la stessa quantità di burro). Dopo 5 minuti possiamo trasferire l’impasto in una ciotola unta (io l’ho lasciato lievitare dalle 8 e 30 fino alle 12 e 30).

Dopodichè, ho versato l’impasto su di una spianatoia infarinata con farina di riso e l’ho tagliato a tocchetti, ho dato le pieghe aiutandomi con un po’ di farina di riso e ho formato 9 focaccine; le ho condite con pomodori secchi consentiti privati dell’olio, anche se si sono un po’ bruciacchiati; pertanto, vi consiglio di metterli sulle focaccine a pochi minuti dalla fine.

SAM_9532

 Ho acceso lo sfornatutto Delonghi a 200° C e ho lasciato cuocere per 15/20 minuti nella parte bassa.

SAM_9536

 Morbidissime anche la sera e il giorno seguente. 🙂

SAM_9540

100GlutenFreeFriDay1

La vostra Monica 😉