Cupcake sanguinanti

Buongiorno…dopo le dita mozzate ho preparato dei cupcake.

Ecco gli ingredienti ( ho ottenuto 12 cupcake)

1 uovo

60 gr di burro ammorbidito

70 gr di zucchero

1/2 vasetto di yogurt bianco

1/2 vasetto di sciroppo di Amarena Fabbri

10 Amarene Fabbri  tagliate a pezzettini

150 gr di farina Farabella dolci

2 cucchiai di cacao amaro consentito

1/2 bustina di lievito per dolci  ( io ho usato San Martino)

1 pizzico di sale

1 bustina di aroma vanillina consentita

Ho sbattuto il burro con lo zucchero e dopo pochi minuti l’uovo. Sempre montando ho aggiunto lo yogurt e il succo di Amarena Fabbri.  Ho poi aggiunto la farina, il cacao e il lievito setacciati e continuato a sbattere fino ad ottenere un composto omogeneo. Ho preferito aggiungere, inoltre, delle Amarene Fabbri, tagliate a pezzetti, circa 10 amarene. Ho distribuito il composto nei pirottini (riempiti per 2/3) e lasciato cuocere in forno preriscaldato a 180 °C per 25 minuti.

Li ho lasciati raffreddare. Nel frattempo ho preparato la glassa montando 200 ml di panna e pochi minuti prima che fosse pronta (bella soda a me piace) ho aggiunto… sempre montando… 100  gr di mascarpone e 2 cucchiai di miele millefiori del gruppo Andreini. 

 Conserviamo la crema in frigo e quando serve, con una sac a poche decoriamo a piacere.

SAM_7997

SAM_8007

SAM_8023

Per colorare la glassa ho usato colorante in gel rosso e giallo del gruppo Decorì

SAM_8019

La vostra Monica 🙂

Annunci

Dita mozzate della strega cattiva

Buongiorno.

SAM_7990

Ho preparato questo dolcetto per i miei nipotini. Nicola, uno dei cinque, voleva usassi del sangue “vero”. Sono davvero semplici da preparare. Ho usato

270 gr di  Preparato per dolci (frolla)  Senzaltro

100 gr di zucchero semolato

170 gr di burro ammorbidito a temperatura ambiente

1 tuorlo

1 pizzico di sale

un pò di scorza di limone grattuggiata

In una ciotola versiamo la farina, lo zucchero e il burro e aiutandoci con il palmo delle mani sgretoliamo il burro, amalgamandolo bene alla farina e allo zucchero. Aggiungiamo un pizzico di sale, la scorza di limone e infine il tuorlo. Impastiamo fino ad ottenere un impasto omogeneo, che lasceremo riposare in frigo per mezz’ora. Non ho usato lievito ( e per fortuna) in cottura son lievitati tantissimo. E’ una farina che si lavora bene, e i biscotti, una volta cotti, sono molto friabili.SAM_7985

 Riprendiamo l’impasto e formiamo le dita. Sono semplici no? Usiamo delle mandorle per le unghie ( questa strega avrà delle unghie perfette, da fare invidia). Ho lasciato cuocere fino a doratura a 180°C ( 15/20 minuti circa)

SAM_7993

Con  della marmellata di amarene ho riprodotto il sangue della strega cattiva!

SAM_7991

La vostra Monica 🙂

Torta latte e cacao

Buon Venerdì. Esattamente un anno fa terminava la mia seduta di Laurea..emozioni fortissime che ieri ho potuto rivivere grazie alla Laurea del mio fidanzato. Ho preparato per lui questa buonissima torta.

SAM_7947

Volevo fosse alta. Ho preparato quindi, due pan di spagna. Uno bianco e uno nero.  Per una tortiera di  24 cm di diametro ho usato

5 uova

125 gr di farina (avendo terminato Farabella dolci,  la mia farina preferita..ho usato biaglut da 1 kg)

125 gr di zucchero semolato

1/2 bustina di lievito per dolci ( ho usato S. Martino con scritta senza glutine)

Riprendo il procedimento già pubblicato in una ricetta precedente. 🙂 Ho montato a neve fermissima le chiare d’uovo e le ho messe in frigo. Sbattiamo i tuorli con lo zucchero ben bene.  Fatto? Incorporiamo  gli albumi nei tuorli, un po’ alla volta, e aggiungiamo la farina e il lievito setacciati. Mescoliamo dal basso verso l’alto per evitare che l’impasto si smonti. Possiamo aggiungere anche della scorza di limone grattugiata o della vaniglia se preferite. Versiamo il composto nella nostra teglia ( foderata con carta forno) e lasciamo cuocere in forno preriscaldato a 180 °C per 45 minuti circa (prova stecchino). Lasciamo raffreddare. Ho poi preparato con la stessa ricetta, il pan di spagna al cacao..aggiungendo però due cucchiai colmi si cacao consentito all’impasto. Mescoliamolo alla farina e poi setacciamo tutto.

La torta è farcita con crema al latte (la ricetta la trovate qui) e con crema al cacao senza uova. Ecco la ricetta

3 cucchiai di cacao amaro (io perugina con scritta senza glutine)

3 cucchiai colmi di farina ( ho usato la B-iaglut confezione da 500 gr, ma provate anche con farina di riso)

50 gr di burro a temperatura ambiente

1/2 litro di latte

7 cucchiai di zucchero semolato

aroma vanillina consentita o poche gocce di essenza di vaniglia

 In un pentolino, setacciamo il cacao e la farina, aggiungiamo lo zucchero e l’aroma. A filo..aggiungiamo il latte per evitare che si formino grumi.. e infine il burro a pezzetti. Lasciamo addensare a fuoco basso rigirando sempre e lasciamo raffreddare in una pirofila (ricoperta con pellicola per evitare che si formi la patina in superficie). Ecco

SAM_7925

Ho bagnato leggermente i dischi con uno sciroppo di acqua, zucchero e scorza di limone, lasciato prima bollire e  poi raffreddare (potete aromatizzare anche con del liquore consentito). Ecco come ho posizionato i dischi e le creme. SAM_7950

Ho decorato con panna, a volontà, colorata (con colori in gel Lo Conte)  e fiorellini (in pasta di zucchero della stessa azienda, con scritta ovviamente). Per quanto riguarda i fiorellini..non ho potuto fare il video 😦 ma proverò a spiegare. Con le mani ho formato 4 piccole palline e le ho posizionate molto vicine su di un vassoio ricoperto di pellicola trasparente (la pasta di zucchero della Lo Conte resta umida quindi si attaccano subito, al centro ho usato pdz di colore giallo, le fessurine invece le ho formate con la punta (lato liscio) di un coltellino di plastica, aiutamdomi con dello zucchero a velo. 470524-coltelli-di-plastica-primo-piano-isolato

Per quanto riguarda le foglie di cioccolato…..sono andata in giardino e ho letteralmente strappato delle foglie di alloro, senza farmi vedere da mia madre, le ho lavate con acqua calda e sapone, le ho asciugate. Con del cioccolato fondente sciolto a bagnomaria, ho cosparso la parte inferiore delle foglie aiutandomi con un cucchiaino, le ho messe in frigo o freezer e quando il cioccolato si è asciugato, ho delicatamente staccato la foglia vera da quella di cioccolato. Maneggiatele il meno possibile e conservatele in frigo fino all’utilizzo. Post lungo, ma spero di non avervi annoiato. Spero di non aver dimenticato nulla.

SAM_7941

La vostra Monica 🙂

Ciabatte con Miele di Castagno

Buongiorno. Qui in provincia di Napoli il cielo è coperto, giornata molto umida con nebbia. 😦

La ricetta è di Un cuore di farina senza glutine…eccola! Non volendo però una pagnotta, ho deciso di preparare delle ciabatte con farina universale per dolci e salati Bezgluten.

SAM_7907

Ecco le dosi:

300 gr di acqua (a temperatura ambiente)

20 gr di olio evo

2 cucchiai rasi di miele di castagno (io ho usato miele di castagno del gruppo Andreini)

1 cucchiaio di zucchero di canna

9 gr di lievito di birra fresco (da sciogliere nell’acqua)

300 gr di farina Bezgluten

8 gr di sale (aggiunto dopo pochi minuti dall’inizio del programma)

Ho sciolto il lievito, il miele, l’olio e lo zucchero nell’acqua. Ho fatto sciogliere bene e versato nel contenitore pagnotta. Ho poi versato la farina e avviato il programma 2. Dopo tre minuti ho aggiunto il sale.

Ho preferito la doratura scura e ho selezionato lo stampo ciabatta. Al segnale di 10 bip ho versato l’impasto nei contenitori ciabatta imburrati e infarinati con farina di mais finissima. Ho, inoltre, come consiglia Un cuore di farina senza glutine, spennellato l’impasto con del latte; io l’ho fatto quando mancavano 40 minuti dalla fine (ovviamente tirando fuori il supporto dalla mdp). Potete usare anche altro miele, non a tutti piace il sapore. Era la prima volta che assaggiavo il miele di castagno… risultato?! Sapore davvero particolare e deciso… o piace o non piace, senza vie di mezzo. 🙂

SAM_7905

SAM_7920

La vostra Monica 🙂

Torta della nonna

Torta della nonna: cosi è chiamata una torta di mele che ho trovato su di un ricettario Venchi. Ho usato per questa preparazione, la farina per dolci  Senz’altro, davvero ottima.

SAM_7881

Avevo in casa delle mele annurche, la mia intenzione era quella di preparare una torta buonissima che contenesse anche gherigli di noce, ma il caso ha voluto che non sono riuscita a trovare la ricetta. Strano, l’ho conservata cosi bene, (proprio perchè temevo di perderla) da non riuscire più a trovarla. Ma ci riuscirò… ho già messo sotto sopra una libreria intera.

Ho, quindi, ripiegato su quest’altra ricetta. Se avete in casa mele golden ancora meglio, le annurche in questa preparazione restano un pò croccanti… nell’altra invece… profumate e morbidissime… vabbè.

3 mele medie

2 cucchiai di zucchero

il succo di un piccolo limone intero ( metà succo di limone nelle mele e metà nell’impasto)

60 gr di burro

150 gr di zucchero

2 uova

1/2 bustina di lievito in polvere (ho usato s.martino con scritta senza glutine)

200 gr di farina per dolci Senz’altro

1 tazzina di latte

2 cucchiai di zucchero a velo consentito per spolverizzare a cottura ultimata

SAM_7886

Laviamo e tagliamo le nostre mele a fettine. Spolverizziamo con i 2 cucchiai di zucchero (usate zucchero di canna se ne avete in casa) e il succo di metà limone, mescoliamo e lasciamo macerare. Montiamo a neve i due albumi e conserviamoli in frigo. Nel frattempo montiamo a crema il burro ammorbidito a temperatura ambiente con lo zucchero e, sempre sbattendo, aggiungiamo i tuorli, il succo e la scorza di mezzo limone. Aggiungiamo la farina per dolci Senz’altro, setacciata, il lievito in polvere e il latte. Infine incorporiamo delicatamente gli albumi montati a neve… In una tortiera apribile, ho versato il composto e ho affondato leggermente le mele.  Ho lasciato cuocere per 40 minuti in forno preriscaldato a 180 ° C.  Buona merenda.

SAM_78902

La vostra Monica 🙂

Torta salata con radicchio e ricotta

Buongiorno. Amo molto le torte salate, soprattutto se preparate per la cena.  Avevo in casa del radicchio rosso (due cespi), della ricotta (450 gr)  e del parmigiano… quale migliore occasione?!

Ecco gli ingredienti per la pasta brisè:

300 gr di farina (150 gr mix B e 150 gr di Revolution New Food mix pane-pizza)

150 gr di burro freddo

75 gr di acqua

2 cucchiaini di sale

Come prima cosa, ho preparato il radicchio. L’ho semplicemente lavato e lasciato appassire (per 20 minuti) in una padella con olio, aglio, sale (non troppo). Una volta freddo (vi consiglio di sminuzzarlo con delle forbici da cucina), ho aggiunto la ricotta, 4 cucchiai abbondanti di parmigiano, 1 uovo (facoltativo), un pizzico di pepe e ho amalgamato il tutto.

In una ciotola, ho versato le farine, il burro freddo e ho iniziato, con i palmi delle mani a sfarinare il burro fino a sbriciolarlo completamente. A questo punto ho aggiunto l’acqua (nella quale ho sciolto il sale) che può sembrar poca… ma non è cosi.

Ho impastato fino ad ottenere una composto liscio e omogeneo che ho lasciato riposare in frigo per un’oretta. Ho ripreso la mia Brisèe, reimpastato per tre minuti e steso, con un mattarello (tenendone da parte una pallina), una sfoglia non troppo sottile, foderando cosi uno stampo Pyrex di 27 cm di diametro, imburrato e infarinato.

SAM_7799

Ho versato il mio bel radicchio, livellando bene il composto. Con la pallina messa da parte, ho creato delle decorazioni.

SAM_7805

Ho lasciato cuocere in forno preriscaldato a 180 °C per 35/40 minuti fino a doratura. Da assaporare tiepida.

SAM_7811

La vostra Monica 🙂

Bignè con panna

Buon inizio settimana. Sabato pomeriggio, la mia dolce metà, dolcemente mi chiede di realizzare dei bignè con panna e cioccolato.
E siccome avevo tutti gli ingredienti in frigo, decido di realizzare questo desiderio del mio grande amore.

Ecco gli ingredienti per la pasta choux (ho ottenuto 45 bignè):

 200 ml di acqua
100 gr di burro
4 uova
130 gr di farina di riso Farabella
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di zucchero

Pronte?! Come prima cosa, ho messo in un pentolino l’acqua, il pizzico di sale, il burro a pezzetti e lo zucchero. Lasciamo sciogliere il tutto a fuoco basso, una volta raggiunto il bollore togliamo il tegame dal fuoco e aggiungiamo la farina di riso.  Mescoliamo e rimettiamo sul fuoco, rigirando con un cucchiaio di legno. Quando il composto si staccherà dal pentolino, formando una patina bianca sul fondo, togliamo dal fuoco e lasciamo raffreddare completamente.

Avete una planetaria? Benissimo… vi servirà! Io ho usato il mio bel mixer con fruste per montare.  Attiviamo il mixer e aggiungiamo le uova. Ricordiamoci di aggiungere il successivo solo quando il precedente sarà ben amalgamato. Ho ottenuto un composto liscio e omogeneo. Inserito in una sac-à- poche (senza beccuccio) ho formato dei bignè.

SAM_7743

 Ho preferito cuocerne prima una parte… lasciando gli altri in frigo.  Per la cottura 220°C per 15 minuti, dopo ho abbassato a 190°C per altri 15 minuti e altri 5 minuti con sportello semiaperto (potete mettere il cucchiaio di legno tra lo sportello per mantenerlo semi aperto) 🙂

SAM_7749

Io ci vedo la faccina di un ranocchio e voi? 🙂

SAM_7754

Ho, con una sac-à-poche (questa volta con beccuccio a punta), farcito i bignè con 300 ml di panna montata forando la base con lo stesso beccuccio (potete, se preferite, farcirli con crema pasticcera). Per la copertura invece:

 300 ml di acqua

3 cucchiai abbondanti di zucchero

2 cucchiai e 1/2 di cacao, sempre abbondanti

2 cucchiai  di farina di riso Farabella

40 gr di burro

In un pentolino ho messo la farina, lo zucchero, il cacao (meglio setacciato) e amalgamato. Ho inserito a filo l’acqua (poco per volta)… per evitare che si formino grumi (in quel caso a cottura ultimata passate al setaccio) e, infine, il burro a pezzetti… mescolato a fuoco basso fino a farla addensare… lasciamo intiepidire  e farciamo.

SAM_7759 SAM_7761

SAM_7770l

La vostra Monica 🙂