About

“Fa che le cose che ami siano il tuo rifugio”.
Tempo fa, non ricordo in quale occasione, ho sentito recitare questa frase e da allora è diventato il mio motto.
Quale cosa più bella, se non fare ciò che si ama?
Sono Monica, l’unica celiaca in una famiglia numerosa. La celiachia arriva nella mia vita in modo inaspettato, senza alcun preavviso e senza nemmeno il tempo di permettere, alla bambina che ero, di accettare il cambiamento. Ma niente paura, solo un po’ di spaesamento iniziale e l’accettazione della sfida da parte di un’adolescente forte ed appassionata; ovvio, non senza momenti di sconforto, ma sono sempre riuscita ad andare avanti, innamorandomi sempre più della cucina e delle sensazioni che la preparazione di un dolce poteva regalarmi.

Il mio carattere si è formato anche grazie alla celiachia (ne ho sfornati di panini duri come pietre) e a tutte quelle volte in cui il mio viso arrossiva a causa di domande troppo invadenti. Dalla sensazione di sentirsi fuori luogo perché non capiti, al sentirsi speciali grazie anche a persone importanti nella mia vita.

 Mi lascio inebriare ogni volta  dal profumo delle spezie che si diffonde tra le mura della mia cucina, continuo ad amalgamare gli ingredienti uno alla volta, con estrema cura e mi ritrovo tra le braccia calde e accoglienti dell’amore per ciò che sto creando.

Vivo in un paesino alle porte di Napoli, dove ho intrapreso e conseguito studi che non hanno nulla a che fare con la passione culinaria. Amo la pizza, la vera pizza napoletana; potrei mangiarne in qualsiasi ora della giornata. Un giorno vorrei poter diventare mamma ed educare mio figlio al rispetto per la vita, qualsiasi forma essa possa assumere; di sicuro, prepareremo insieme tante cose buone nella cucina di famiglia con cani e gatti a tenerci compagnia. Nella mia testolina, frulla l’idea di aprire un piccolo Caffè letterario, dove poter offrire le mie creazioni a chi, come me, è celiaco, ma anche a chi non celiaco può tranquillamente gustare le preparazioni senza glutine.

Vi presenterò le mie creazioni passo dopo passo. Avete bisogno di un consiglio? Sono pronta ad aiutarvi e ad accettare consigli utili per migliorare.

Annunci

8 thoughts on “About

  1. Tra queste righe ho letto molte pagine della mia vita. Ti ho appena scoperta ma sono già la tua fan celiaca -con il sogno di aprire un caffè letterario- numero uno. Mi hai già regalato “emozioni – quanto basta” non vedo l’ora di vedere quello che segue! Baci

  2. Ciao. Mi chiamo paola ed abito in provincia di siena. Dopo ormai due anni di utilizzo cosa ne pensi della zero glu? Non ho mai avuto una mdp e sono incerta tra questa e la classica moulinex piu economica. Preciso che non sono celiaca. I tuoi risultati con la imetec sono favolosi!!!!! Brava!

    • Ciao Paola. Grazie per quello che scrivi. Io posso dirti che ad oggi con la zero glu sono riuscita a preparare panini, ciabatte e pagnotte….tutto buonissimo. Questo sia per le ricette usate, sia perchè la zero glu ha lavorato bene. In passato ho usato anche mdp molto economiche…il pane era buono ma potevo preparare solo la pagnotta.Ti consiglio di cercare anche on line la zero glu, la si trova spesso con offerte vantaggiose. Da non celiaca come sei capitata qui? Lo chiedo per semplice curiosità. A presto. Scrivi pure per qualsiasi consiglio o informazione. Un abbraccio.

      • Grazie per la risposta velocissima! Ti ho trovata dando come chiave di ricerca ricette con la zero glu ma il tuo blog e’ molto interessante anche per chi non ha problemi col glutine per cui penso proprio che continuero’ a seguirti!!!!!!! Mi piace la zero glu per la possibilita’ di fare altre cose oltre la pagnotta ma ho trovato recensioni che dicono che non e’ il prodotto adatto se non si e’ Celiaci ed io in effetti non vorrei utilizzare i preparati come fai tu. Pensi che con farine normali riuscirei ad eseguire le ricette tue e del manuale?
        Un caro saluto.
        Paola

      • Ciao Paola. Sul ricettario della Zeroglu troverai anche ricette “glutinose” quindi tranquilla. Ti consiglio all’inizio di seguire alla lettera le ricette in modo da conoscere la macchina e l’idratazione delle farine. Poi inizierai a sperimentare e non avrai più bisogno di seguire il ricettario. Purtroppo puoi solo prendere spunto dalle mie ricette perchè le farine senza glutine assorbono quantità d’acqua differenti rispetto a quelle con glutine o alle naturali. Per qualsiasi cosa sono qui;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...