Pagnotta bianca con mdp zero-glu

Vi parlo un pò della mia nuova macchina del pane!

Buon 1° Marzo amici. Dopo aver un pò studiato il manuale di istruzioni e il ricettario della Zero-Glu Imetec ho deciso di iniziare con la tradizionale pagnotta bianca.

Vi piace? Bella, vero? Il profumo è ottimo.

SAM_5922

Prima di inserire qui di seguito gli ingredienti, vi parlerò un po’ di questa nuova macchina del pane.

Il team di esperti della Imetec consiglia di imparare bene a usare i vari programmi, prima di eventualmente apportare modifiche sostanziali alle ricette proposte. Il ricettario è ben articolato, oltre alle specifiche ricette senza glutine, ed ai relativi programmi di lavorazione, la Zero-Glu ha a disposizione anche programmi dietetici e programmi tradizionali. Per questi ultimi due programmi, il ricettario contiene ricette con in uso farine non idonee a noi celiaci, ma nulla ci vieta di sostituire le farine proposte con le farine senza glutine. I programmi si differenziano per tempi, tipo di impasto e numero di lievitazioni.

Per gli appassionati del lievito madre, inoltre, nella sezione “ricette dietetiche” troviamo anche ricette di pagnotte con lievito madre, anche in questo caso, amici celiaci, potremo preparare il nostro lievito madre e adoperarlo in questa macchina del pane. Leggendo le ricette si nota subito come il team abbia davvero svolto un ottimo lavoro di ricerche di mercato. Di fianco alla ricetta proposta, con una specifica farina consigliata, lo stesso ricettario ci propone delle varianti, relative al tipo di farina da utilizzare, dalla Pedon-Easyglut alla Biaglut, in modo da soddisfare tutte le necessità. Non tutte le farine sono apprezzate allo stesso modo, ci sono celiaci che preferiscono usare farine naturalmente prive di glutine, e altri invece che utilizzano farine dietoterapeutiche. Potremo scegliere tra le diverse ricette, la variante con la farina che più ci piace.

Non solo la tradizionale forma a pagnotta (da 1 kg circa), ideale da affettare per la colazione o per dilettarci nella preparazione di sfiziosi toast, ma la Zero-Glu ci offre accessori anche per la ciabatta (due da 250 gr circa) e per i panini (6 panini da 80 gr circa). Qualora decidessimo di preparare panini o ciabatte, la nostra lavorazione dovrà iniziare nello stampo pagnotta, con la caratteristica strutturale di possedere due pale impastatrici, sarà il programma selezionato ad avvisarci, con un segnale acustico, quando trasferire l’impasto a cucchiaiate, negli appositi stampi unti con olio. Oggi sono riuscita a preparare solo la pagnotta, ma tempo che finisca, e preparerò anche panini e ciabatte, in modo che possiate apprezzare le mie preparazioni con questa nuova macchina del pane e non solo.

Scrivo non solo, perché la Zero-Glu può preparare anche impasti dolci, dalla tradizionalissima e genuina torta di mele, al panettone bicolore utilizzando lo stampo ciabatta, e con lo stampo per panini potremo preparare ottimi plum-cake mono porzione per la nostra colazione. Per ora non aggiungo altro, anche perché ho già scritto tanto e chissà quanti leggeranno fino alla fine. Spero di aver convinto tutti i miei amici celiaci che meditavano l‘acquisto di una macchina del pane. Ovvio, oggi in commercio troviamo differenti macchine per la lavorazione del pane, io stessa ne possedevo già una ma, devo ammettere, non con le stesse caratteristiche, non con programmi che sono stati studiati proprio per il senza glutine!

SAM_5927

Una bella fetta di pane

SAM_5925

Quanto è bello!

Ecco gli ingredienti per questa bella Pagnotta:

600 gr di acqua

15 gr di lievito fresco

50 gr di olio extra vergine di oliva

500 gr di farina fibrepan (preparato per pane,pizza e focaccia)

12 gr di sale fino

La ricetta originale del team Imetec mi consigliava di usare il mix B  della Schar, ma non avendola in dispensa, ho voluto provare con la Fibrepan, una farina abbastanza diversa, visto che ha richiesto più acqua di quanto indicato nella ricetta Imetec. Sciogliamo il lievito nell’acqua e versiamola nel contenitore pagnotta, e dopo un paio di minuti aggiungiamo tutti gli altri ingredienti nell’ordine sopra elencato. Selezioniamo il programma 1, il livello di doratura desiderato e avviamo la nostra macchina premendo il tasto Start. Possiamo aggiungere dell’acqua o della farina a seconda di come si mostra l’impasto. Alla fine del programma, estraiamo il pane dal contenitore quando è ancora caldo e lasciamolo raffreddare su di una griglia. Dopo due giorni dalla preparazione, vedrete che sarà ancora morbido, senza dover essere ravvivato in forno.

 la vostra Monica 😉