Gnocchi

Buongiorno. Un bel temporale mi ha svegliato questa mattina e una temperatura più fresca finalmente accompagnerà le nostre giornate. Sabato scorso, per pranzo, ho preparato degli gnocchi di patate. Mi son divertita inoltre, a filmare la lavorazione. Devo migliorare molte cose, ma come primo video credo possa andar bene.

Ecco gli ingredienti per 2 porzioni

240 gr di patate bollite e schiacciate

1/2 cucchiaino raso di sale

un pizzico di noce moscata

1 uovo

circa 170 gr di farina Bi-Aglut ( confezione da 1kg, le vostre patate potrebbero assorbire più o meno farina )

In una ciotola ho schiacciato le patate bollite tiepide, ho aggiunto il sale, la noce moscata, la farina e al centro l’uovo intero…ho lavorato velocemente fino ad ottenere un composto compatto ma morbido.

SAM_8078

Guardate il video per la lavorazione.

musica Max Gazze/ Sotto casa

SAM_8083

Per la cottura basterà versarli in abbondante acqua salata (quando avrà raggiunto l’ebollizione), e scolarli quando saliranno a galla. Possiamo preparare il condimento che più ci piace..anche semplicemente con burro e salvia.

SAM_8092

La vostra Monica 🙂

Tagliatelle di riso con carote,olive nere e ricordi d’infanzia

Una nuova categoria ho inserito nel mio blog: Primi Piatti.

In seguito alla diagnosi di celiachia, ho abbandonato la pasta per molto tempo……pessima resa in cottura, sapore inesistente o sapore troppo forte. Fortunatamente, ci sono stati dei progressi, e il mercato ha potuto offrire nuovi sapori.

Oggi assaggio le tagliatelle della Piaceri mediterranei a base di farina di riso semigreggio. Il sapore è davvero buono e l’elasticità del glutine di riso non fa spezzare le tagliatelle in cottura. A tal proposito vi racconto di un episodio vissuto quando ancora non avevo compiuto 18 anni. Ovviamente la celiachia era già diventata parte di me, ovvio non senza sconforti, ma è normale all’inizio, tutto normale. Mia madre decide di prenotare una visita da un noto pediatra del Policlinico di Napoli. La mia mente di ragazzina ,quale ero, iniziò subito a elaborare, a immaginare: chissà forse non sono celiaca….Dopo esser stata visitata, il Dottore in questione  disse:<< Signorina mi stringa la mano, lei non deve più mangiare prodotti acquistati in farmacia, lei deve solo mangiare per due>>. Vi spiego, ad oggi, 29 anni, sono alta 180 cm per 65 kg di peso; sono sempre stata alta e magra al punto giusto, le mie ossa erano e sono molto lunghe, quindi ” il dover mangiare per due” era dovuto al mio fabbisogno giornaliero. Comunque, ritornando a noi, la frase del dottore mi agitò, visto quanto avevo  pensato in precedenza. Mi rifiutai di stringergli la mano, volevo prima capire e infatti, risposi: << Dottore gentilmente mi dica cosa intende con quella frase, giusto per tranquillizzare mia madre, che potrebbe fraintendere>> 🙂 . Il mio caro Dottore, voleva intendere , che avrei dovuto mangiare prodotti naturalmente senza glutine, usare farine naturalmente senza glutine per preparare tutto, dalla pasta al dolce, al salato. Mi consigliò di recarmi in un negozio specializzato per acquistare riso glutinoso, con il quale avrei ottenuto ottimi risultati. 🙂 Capito? Una tagliatella di riso semigreggio quanti ricordi può risvegliare.

Ingredienti, dosi per una persona

100 gr di tagliatelle di riso Piaceri Mediterranei

3 carote

olio evo ( extravergine di oliva) sale, pepe e noce moscata

una manciata di olive nere, meglio se denocciolate

SAM_6494

Decorate con un ciuffetto di prezzemolo.

Laviamo e peliamo le carotine che tanto fanno bene ai nostri occhietti. Tagliamole a rondelle. In una padella, un filo abbondante di olio evo, tanto a noi la prova costume non preoccupa giusto? Versiamo in padella le carote, un pizzico di sale, di pepe e di noce moscata. Lasciamo cuocere, rigirando di tanto in tanto , per 10 minuti circa, a fuoco moderato,  aggiungiamo le olive e lasciamo cuocere giusto altri 5 minuti, fino a doratura delle carotine. La pentola bolle? Bene , caliamo le nostre tagliatelle in acqua salata e lasciamo cuocere per 7/8 minuti, cosi come indicato sulla confezione, ma controlliamo di tanto in tanto la cottura. Scoliamo la pasta, versiamola nella padella delle carotine, rigiriamo un pò, e buon appetito. Non ho messo del parmigiano, perché non lo preferivo, ma potete farlo voi tranquillamente.

La vostra Monica 🙂