Lemon meringue cupcake

Buongiorno.  Vi piacciono le meringhe? E il gusto acre e deciso del limone? Se a queste domande avete risposto Si, allora potete preparare questi cupcake.

SAM_9323

Avevo già da un pò salvato il link, aspettavo solo il momento giusto per prepararli. Ho approfittato della presenza di limoni in casa ed eccoli. Hanno un gusto davvero unico e particolare. Il gusto deciso  e leggermente acre del lemon curd si sposa benissismo con il dolce della base e della meringa. Alla ricetta originale (glutinosa) che troverete qui ho apportato una lieve modifica.

Vi riporto le dosi della base del cupcake alla quale ho apportato la modifica, per il resto ho seguito alla lettera i consigli di Luca. Unica particolarità, avrete bisogno del termometro alimentare. 150 gr di farina mix dolci Nutrifree 140 gr di zucchero semolato 1 uovo 40 gr di burro morbido 120 ml di latte intero 1 cucchiaino di polvere lievitante (per me conad con scritta senza glutine) un pizzico di sale 1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata.

Vi riporto quanto scritto da Luca: accendete il forno a 180° e inserite i pirottini in carta per cupcake nella teglia da muffin;

-mettete in una ciotola la farina mix dolci Nutrifree, lo zucchero, il sale, il lievito, la scorza di limone e il burro morbido a dadini. Mischiate con una forchetta fino ad ottenere un composto con molte briciole;

–  mescolate l’uovo e il latte  e  aggiungetene metà al composto con la farina montando con il mixer (fruste per montare) a velocità bassa. MISCHIATE SEMPRE IL MINIMO INDISPENSABILE PER AMALGAMARE GLI INGREDIENTI (vi basterà un minuto in questo caso);

– unite ora la restante metà del composto con il latte, mescolando a velocità medio-alta per non più di un paio di minuti e avendo cura di amalgamare di tanto in tanto il composto con l’ausilio di una spatola. Se mescolate eccessivamente rischierete che risultino duri come il legno quando saranno cotti;

–  il composto vi sembrerà liquido, va bene cosi. Versate l’impasto in ciascun pirottino fino a 2/3 del proprio volume e infornate per 20-22 minuti;

– appena pronti, sfornate e lasciate riposare le basi per i cupcake una decina di minuti dopodiché metteteli a freddare su una gratella. Mentre aspettate che i cupcake freddino, preparate la glassa fatta di meringa italiana. A questo punto impostate la funzione grill nel forno.

SAM_9313 Per la preparazione del lemon curd ho usato Amizea- amido di mais Molino Chiavazza. Vi consiglio di prepararlo il giorno prima così da velocizzare i tempi.

3 tuorli

60 gr. di zucchero semolato

70 ml di succo di limone e tre cucchiaini di scorza di limone

60 gr. di burro a dadini

1 cucchiaino e mezzo di amido di mais

Luca scrive: Mettete in una ciotola a fuoco basso il succo di limone e la scorza portando a bollore. Nel frattempo montate con una frusta a mano i tuorli, lo zucchero e l’amido di mais -Amizea. Rapidamente versate il composto caldo su quello di uova e mescolate velocemente per evitare che le uova si cuociano. Versate il composto di nuovo nella ciotola e riportatelo sul fuoco (molto basso) facendo addensare esattamente come per una crema pasticcera. Quando il cucchiaio di legno con cui girate il composto inizierà a velare e la crema ad addensare, togliete dal fuoco ed aggiungete immediatamente il burro, continuando a mescolare finché non sarà incorporato. Coprite quindi la ciotola con della pellicola alimentare direttamente a contatto del lemon curd, che farete freddare a temperatura ambiente prima di mettere in frigo per almeno un paio d’ore (ancor meglio tutta la notte).

Per il frosting:

– Mettete 150 gr. di zucchero semolato con 110 ml. di acqua in un pentolino a fuoco medio e portatelo a 121° C (vi servirà un termometro alimentare). Quando state per raggiungere la temperatura corretta, iniziate a montare 3 albumi ( a temperatura ambiente) con 50 gr. di zucchero semolato e dopo circa due minuti aggiungete a filo lo sciroppo caldo, portato alla corretta temperatura (121°C);

– quando avrete unito tutto lo sciroppo,  continuate a montare a velocità alta, fino a che toccherete il fondo del cestello e lo sentirete a tempetura ambiente.

A questo punto, prima di proseguire con la decorazione,  create dentro i cupcake un foro, utilizzando un levatorsoli o la punta di un coltello (non arrivate fino in fondo ma circa a metà) e riempitelo con del lemon curd;

– Proseguiamo: mettete la meringa in una sac à poche con punta a stella e decorate i vostri cupcake. Infornateli per pochi secondi nel forno caldo il più vicino possibile al grill finchè non cominceranno a brunire (non perdeteli d’occhio perché ci vorrà molto poco e rischiate che la meringa bruci compromettendo il sapore). Sfornate e fate freddare a temperatura

La preparazione può sembrare lunga e complicata, ma non preoccupatevi: rimarrete soddisfatti del risultato finale. SAM_9318 SAM_9323

SAM_9335La vostra Monica 😛

Pudding al cioccolato

Un ricettina leggera leggera. Qualche mese fa, su real time Eric, un Maestro pasticcere Francese ha presentato il Pudding di pane e burro al cioccolato.

1

Giusto perchè amo sperimentare, ho sostituito al pane e burro al cioccolato una fetta di panettone al cioccolato Nutrifree, superstite del Natale.  Le dosi da me indicate vi permetteranno di preparare un solo Pudding per due persone:

Qui la ricetta originale.

100 ml di latte di mandorla Fabbri

50 ml di latte

1 fetta di panettone al cioccolato Nutrifree da 160 gr tagliata a tocchetti

60 gr di cioccolato fondente consentito

2 cucchiai di zucchero di canna

Scorsa grattugiata di metà limone

In una casseruola, ho messo il latte a riscaldare, quando avrà quasi raggiunto il bollore ho spento e aggiunto il cioccolato fondente e la scorza di limone grattugiata. Mescoliamo e lasciamo che tutto il cioccolato si sciolga.

Sbattiamo l’uovo con un cucchiaio di zucchero di canna e aggiungiamolo al latte tiepido, sempre mescolando. In una piccola pirofila (vi ricordate del contest Pyrex? bhè ho vinto queste 4 mini casseruole)  imburrata leggermente, prepariamo un primo strato di panettone e versiamo metà crema al cioccolato e giusto perchè vi avevo anticipato non fosse leggero, qualche goccia di cioccolato bianco consentito.

SAM_8796

Richiudiamo con un altro strato di panettone e, infine, altra crema. In superfice, un cucchiaio di zucchero di canna per rendere il tutto più croccante e un’altra manciatina di gocce di cioccolato bianco.

SAM_8799

Lasciamo cuocere in forno a 180° C per 20 minuti. Gustare tiepido… anche come sostituto dei tre fondamentali pasti. 🙂

SAM_8812

La vostra Monica 🙂

 

Cupcakes al cioccolato dal cuore morbido

Buona domenica. Ecco a voi una ricetta golosa di qualche giorno fa.

SAM_8202

Ho usato 120 gr di preparato per dolci Senzaltro

100 gr di zucchero semolato

120 gr di burro a temperatura ambiente

2 uova

80 gr di cioccolato fondente consentito (sciolto a bagnomaria)

1 cucchiaino di lievito per dolci San Martino

20 gr di cacao amaro consentito

Come prima cosa, sciogliamo il nostro cioccolato fondente a bagnomaria e lasciamolo raffreddare.

Setacciamo le polveri. Nella ciotola dello sbattitore, montiamo il burro con lo zucchero; dopo pochi minuti, aggiungiamo le uova una alla volta. Montiamo altri due minuti e inseriamo, sempre montando, il cioccolato sciolto a bagnomaria e, infine, le polveri setacciate in cui avremo aggiunto il lievito. Ho posizionato l’impasto, con l’aiuto di una sac a poche, negli stampini per cup cake e ho lasciato cuocere a 170 ° C per 25 minuti circa. Una volta raffreddati, scaviamo un po’ i nostri cupcake; in quel buchino, inseriremo la nostra cioccolata.
SAM_8198

Per il nostro cuore morbido, ho preparato della cioccolata calda, che poi ho lasciato raffreddare, con preparato per cioccolata Chococioc Zero Fabbri, ovviamente con scritta senza glutine. Con una sola bustina, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione, sono riuscita a riempire tutti i cupcakes.

SAM_8210

Per la copertura

Montiamo 200 ml di panna, con 3 cucchiai di latte condensato consentito (da inserire quando la panna sarà quasi montata), 100 gr di mascarpone e 1 cucchiaio di miele (ho usato miele millefiori del gruppo Andreini).

Nel buchino inseriamo la cioccolata raffreddata (ne basterà un cucchiaino per cupcake). E, infine, decoriamo con la nostra crema di panna e mascarpone, gocce di cioccolato e Mini topping caramello Fabbri.

SAM_8208

Ecco l’interno

IMG_2226La vostra Monica 🙂

 

Cupcake sanguinanti

Buongiorno…dopo le dita mozzate ho preparato dei cupcake.

Ecco gli ingredienti ( ho ottenuto 12 cupcake)

1 uovo

60 gr di burro ammorbidito

70 gr di zucchero

1/2 vasetto di yogurt bianco

1/2 vasetto di sciroppo di Amarena Fabbri

10 Amarene Fabbri  tagliate a pezzettini

150 gr di farina Farabella dolci

2 cucchiai di cacao amaro consentito

1/2 bustina di lievito per dolci  ( io ho usato San Martino)

1 pizzico di sale

1 bustina di aroma vanillina consentita

Ho sbattuto il burro con lo zucchero e dopo pochi minuti l’uovo. Sempre montando ho aggiunto lo yogurt e il succo di Amarena Fabbri.  Ho poi aggiunto la farina, il cacao e il lievito setacciati e continuato a sbattere fino ad ottenere un composto omogeneo. Ho preferito aggiungere, inoltre, delle Amarene Fabbri, tagliate a pezzetti, circa 10 amarene. Ho distribuito il composto nei pirottini (riempiti per 2/3) e lasciato cuocere in forno preriscaldato a 180 °C per 25 minuti.

Li ho lasciati raffreddare. Nel frattempo ho preparato la glassa montando 200 ml di panna e pochi minuti prima che fosse pronta (bella soda a me piace) ho aggiunto… sempre montando… 100  gr di mascarpone e 2 cucchiai di miele millefiori del gruppo Andreini. 

 Conserviamo la crema in frigo e quando serve, con una sac a poche decoriamo a piacere.

SAM_7997

SAM_8007

SAM_8023

Per colorare la glassa ho usato colorante in gel rosso e giallo del gruppo Decorì

SAM_8019

La vostra Monica 🙂

Bignè con panna

Buon inizio settimana. Sabato pomeriggio, la mia dolce metà, dolcemente mi chiede di realizzare dei bignè con panna e cioccolato.
E siccome avevo tutti gli ingredienti in frigo, decido di realizzare questo desiderio del mio grande amore.

Ecco gli ingredienti per la pasta choux (ho ottenuto 45 bignè):

 200 ml di acqua
100 gr di burro
4 uova
130 gr di farina di riso Farabella
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di zucchero

Pronte?! Come prima cosa, ho messo in un pentolino l’acqua, il pizzico di sale, il burro a pezzetti e lo zucchero. Lasciamo sciogliere il tutto a fuoco basso, una volta raggiunto il bollore togliamo il tegame dal fuoco e aggiungiamo la farina di riso.  Mescoliamo e rimettiamo sul fuoco, rigirando con un cucchiaio di legno. Quando il composto si staccherà dal pentolino, formando una patina bianca sul fondo, togliamo dal fuoco e lasciamo raffreddare completamente.

Avete una planetaria? Benissimo… vi servirà! Io ho usato il mio bel mixer con fruste per montare.  Attiviamo il mixer e aggiungiamo le uova. Ricordiamoci di aggiungere il successivo solo quando il precedente sarà ben amalgamato. Ho ottenuto un composto liscio e omogeneo. Inserito in una sac-à- poche (senza beccuccio) ho formato dei bignè.

SAM_7743

 Ho preferito cuocerne prima una parte… lasciando gli altri in frigo.  Per la cottura 220°C per 15 minuti, dopo ho abbassato a 190°C per altri 15 minuti e altri 5 minuti con sportello semiaperto (potete mettere il cucchiaio di legno tra lo sportello per mantenerlo semi aperto) 🙂

SAM_7749

Io ci vedo la faccina di un ranocchio e voi? 🙂

SAM_7754

Ho, con una sac-à-poche (questa volta con beccuccio a punta), farcito i bignè con 300 ml di panna montata forando la base con lo stesso beccuccio (potete, se preferite, farcirli con crema pasticcera). Per la copertura invece:

 300 ml di acqua

3 cucchiai abbondanti di zucchero

2 cucchiai e 1/2 di cacao, sempre abbondanti

2 cucchiai  di farina di riso Farabella

40 gr di burro

In un pentolino ho messo la farina, lo zucchero, il cacao (meglio setacciato) e amalgamato. Ho inserito a filo l’acqua (poco per volta)… per evitare che si formino grumi (in quel caso a cottura ultimata passate al setaccio) e, infine, il burro a pezzetti… mescolato a fuoco basso fino a farla addensare… lasciamo intiepidire  e farciamo.

SAM_7759 SAM_7761

SAM_7770l

La vostra Monica 🙂

Fette al latte

Buon inizio settimana. Avevo promesso al mio nipotino Nicola (non celiaco) di preparare le fette al latte. Mi sono procurata tutti gli ingredienti ed ecco fatto….

 SAM_7562

Per la base ho usato:

4 uova

80 gr di zucchero

25 gr di cacao amaro in polvere consentito (io perugina con scritta senza glutine)

10 gr di miele (ho usato quello di acacia del gruppo Andreini)

1 bustina di vanillina consentita (io conad)

1 cucchiaio di acqua

35 gr di farina Farabella per dolci (sostituibile con farina di riso finissima Farabella)

Pronte?? Ho diviso i tuorli dagli albumi. Ho montato gli albumi a neve (non fermissima), con 50 gr di zucchero e li ho riposti in frigo. Con le stesse fruste, ho sbattuto i tuorli con 30 gr di zucchero, il cucchiaio d’acqua, la vanillina e il miele per circa 10 minuti…dovranno diventare chiari e spumosi. Ho poi unito i due composti, incorporando gli albumi delicatamente e ho aggiunto pian piano la farina Farabella per dolci e il cacao (setacciati)… Ho steso l’impasto su di un foglio di carta forno e posizionato sulla leccarda del forno ( 35 cm *33 cm). L’ho livellato ben bene e lasciato cuocere in forno preriscaldato a 220°C per 7 minuti (se il vostro forno è più potente….prestate attenzione).

SAM_7556

A cottura ultimata, dopo aver staccato delicatamente la carta forno,  ho lasciato riposare la pasta biscotto su di un canovaccio leggermente umido, per evitare che secchi… e nel frattempo ho preparato la crema:

170 gr di latte condensato consentito  ( Nestlè, come da prontuario Aic)

300 ml di panna da montare

2 cucchiai abbondanti di  Miele di acacia Andreini

C’è chi usa la colla di pesce. Io credo non sia necessaria in questa preparazione! 🙂

Ho montato la panna e pochi minuti prima che fosse pronta (bella soda a me piace) ho aggiunto… sempre montando… il latte condensato e il miele… Riponiamo in frigo. La nostra pasta biscotto è pronta per essere farcita; dividiamola a metà, ricopriamo con il composto di panna e ricopriamo con l’altra metà.

SAM_7560

Lasciamo riposare in frigo per un paio d’ore. Trascorse queste ore, riprendiamo il nostro dolce, tagliamo (un consiglio: per evitare che la fetta, tagliandola, si sporchi, pulite il coltello ad ogni taglio con un fazzoletto di carta..cosi poi lo gettate via 🙂 ) i lati eventualmente non dritti (mangiateli pure al momento) senza premere, ma tagliando con cura e successivamente le fette. Ho ricavato 12 fette che potrete conservare in frigo.

SAM_7568

SAM_7574La vostra Monica 🙂

éclair

Buon sabato pomeriggio. Il mio stomaco ha avanzato una specifica richiesta….. éclair….. A Napoli è conosciuta come Choux, altro non è che la pasta per il bignè a cui viene data una forma più allungata e farcita con panna, o con crema ai vari gusti..dal caffè al cioccolato.

Io ho preferito farcirli metà con panna e metà con crema pasticcera al cioccolato.

Per la pasta Choux

130 gr di farina Farmo Low Protein

100 gr di burro

200 ml di acqua a temperatura ambiente

4  uova

1 pizzico di sale

1 cucchiaio di zucchero

Per il procedimento della pasta cliccate qui.  Non ho la planetaria purtroppo, ho usato quindi, per amalgamare le uova, il mio bel mixer con fruste da impasto.

SAM_7275SAM_7276

Ho seguito lo stesso procedimento, le stesse temperature ed ecco il risultato.

SAM_7278

SAM_7282

éclair alla panna: non li ho tagliati in orizzontale, ma sulla parte alta e inserito la panna con una sac a poche. Li ho leggermente bagnati con qualche goccia di limoncello prima di inserire la panna

 Ho ottenuto 15 éclair. Metà farciti con panna montata  ( ho usato circa 100 ml di panna..ma  regolatevi in base ai vostri  gusti e alla quantità di Eclair preparati ) …amarene Fabbri e caramello.

SAM_7285

SAM_7295

Ed ecco l’interno

 

 

Per la farcitura al cioccolato invece ho preparato una crema con

125 ml di latte

125 ml di panna liquida  ( non montata)

60 gr di zucchero semolato

20 gr di amido di mais  consentito ( io ho usato maizena)

100 gr di cioccolato fondente  ridotto in scaglie (ho usato nestlè con scritta senza glutine)

2 tuorli

Il procedimento è lo stesso della crema pasticcera. Ho amalgamato i tuorli allo zucchero e mescolato fino a renderli chiari. Ho aggiunto l’amido e mescolato ancora e infine il latte miscelato alla panna, amalgamandolo pian piano per evitare che si formino dei grumi. Mescoliamo continuamente a fuoco dolce, fino a che non diventi cremosa. Spegniamo il nostro fornello e inseriamo il cioccolato fondente..mescolando ….mescolando fino a scioglierlo completamente. Lasciamo raffreddare. E farciamo i nostri éclair, questa volta tagliati orizzontalmente.

SAM_7297

Ho farcito la parte superiore con altra crema al cioccolato e guarnito con chocaviar Venchi

SAM_7306

SAM_7316

Ed ecco l’interno…..

 

La vostra Monica 🙂

 

P.s. La prossima volta li  preparerò con farina di riso 🙂

 

 

 

 

 

Cheesecake al triplo cioccolato e all’amarena

Buon inizio settimana. Vi propongo una cheesecake con solo la base cotta in forno.

SAM_7031

Ho decorato la fetta di cheesecake con crema al cioccolato, caramello e Chocaviar Venchi.

Per la base ho seguito questo procedimento con  queste dosi:  225 gr di farina  Revolution New food pastafrolla (sostituibile con altra farina), 120 gr di burro morbido, 2 tuorli, 120 gr di zucchero a velo , un pizzico di sale, un pò di scorza grattugiata di limone. Ho scelto uno stampo a cerniera di 24 cm di diametro , volevo una cheesecake alta (con la pasta rimanente ho preparato una piccola cheese alle amarene) 🙂   Ho lasciato raffreddare bene la base, quindi mi sono anticipata..

Per la crema al formaggio ho usato

400 ml di panna da montare (ben montata)*

140 gr di zucchero a velo *

aroma vanillina o se avete in casa l’essenza di vaniglia ancora meglio*

 400 gr di formaggio spalmabile. Ho usato la robiola..molto buonaaa

80 gr di  philadelphia

Se non amate il sapore della robiola potete usare solo philadelphia ❤

Non ho usato colla di pesce o addensanti in polvere, prepararla il giorno prima compatta il tutto.

Prepariamo la crema… Ho montato bene la panna, non lasciandola cremosa, ma molto ferma. Conserviamola in frigo. In un’altra ciotola ho versato i formaggi, lo zucchero a velo, gli aromi e montato per 5 minuti con lo sbattitore . Incorporiamo alla crema di formaggio, la panna ..delicatamente…dall’alto verso il basso e conserviamo in frigo.  Ho ripreso la base, l’ho rimessa nello stampo a cerniera con sotto un foglio di carta forno. Ho inoltre, foderato i bordi dello stampo con pellicola trasparente in modo che la crema con stia a contatto diretto con lo stampo.. e poi aiuterà anche a staccare il tutto con più facilità. Desiderate una cheesecake all’amarena?? Bene non dovete fare altro che inserire nella crema di formaggio 4 cucchiai di sciroppo all’amarena e perchè no , delle amarene Fabbri tagliate a metà… Una volta scelto il gusto, versiamo la crema sulla base di frolla, livelliamo il tutto e lasciamola in frigo tutta la notte ( bastano anche 3/4 ore).

SAM_7022

Questa è la cheesecake alle amarene Fabbri. 

Per la copertura al cioccolato invece….

In un pentolino, a bagnomaria, versiamo 50 gr di cioccolato bianco *, 50 gr di cioccolato a latte *e 100 gr di cioccolato fondente*, due cubetti di burro di cacao Venchi , ( potete sostituirlo con 20 gr di burro semplice), 4 cucchiai di latte . Ho lasciato sciogliere il tutto e una volta amalgamati gli ingredienti ho continuato a mescolare lontano dal fuoco. Lasciamo intiepidire. Il mio consiglio è quello di non cospargere il cioccolato su tutta la cheesecake, ma di spruzzarne a cucchiaiate su ogni fetta… Non tutti gradiscono il cioccolato fondente, mia sorella per esempio non lo preferisce. Se non avete in casa  tutti gli ingredienti per la copertura, ma uno sciroppo al cioccolato già pronto ( ovviamente consentito) potete usare anche quello…

SAM_7034

SAM_7041

 * Controlliamo che i prodotti siano inseriti nel prontuario AIC o che abbiano la scritta “senza glutine”

La vostra Monica 🙂

Dolcetti di crema, amarene e ricordi

Buonasera amici. Il caldo è arrivato sulla nostra pelle ed è anche bello poterlo affermare, vuol dire che stiamo vivendo. A nessuno piace sudare, si sa, ma io, ad essere sincera, non mi lamento più di tanto.  Estate non è solo vacanza, estate non è solo sole, spiaggia o mare. Ci siamo lamentati per molto tempo, delle insistenti piogge, del freddo, del vento…ed ora che è arrivata l’Estate…ci lamentiamo un po’ troppo per del sudore in più. Ieri, ho voluto preparare dei dolcini con crema pasticcera e amarene.  Lo mangiavo volentieri prima di mangiare senza glutine ed io e la mia famiglia lo acquistavamo in una pasticceria di Giugliano in Campania, non ricordo il nome preciso, anzi non lo ricordo proprio hihihihi. Lo compravamo solo in quella pasticceria, l’odore dell’amarena che si sposava con la crema era unico.

Ed io, oggi, ho deciso di rivivere quella sensazione.

SAM_6714

Per la crema pasticcera ho usato

2 uova

2 cucchiai di zucchero

2 cucchiai rasi di amido di mais

200 ml di latte

Aroma vaniglia

Seguiamo sempre lo stesso procedimento, in una terrina versiamo i 2 tuorli, lo zucchero e mescoliamo fino a che non diventino chiari, aggiungiamo l’amido di mais e a filo il latte. Mescoliamo fino a farla addensare.

Lasciamo raffreddare.

Per la pasta frolla.

350 gr di preparato per dolci Farabella

150 gr di burro

140 gr di zucchero

2 uova

la punta di un cucchiaino di lievito per dolci*

Amarene in sciroppo consentite, io ho usato le amarene Fabbri

1 tuorlo per pennellare

Stampini

Burro a temperatura ambiente. In una ciotola versiamo la farina, lo zucchero, il burro e iniziamo con il palmo delle mani a sgretolare il burro. Aggiungiamo un pochino di lievito e infine le uova. Dobbiamo ottenere questo impasto.

SAM_6704

Imburriamo e infariniamo molto bene gli stampini. Stendiamo in piccole dosi la pasta e foderiamo gli stampini. La pasta deve avere lo spessore di mezzo cm. Io non l’ho fatto perché mi sono ritrovata in casa nipoti desiderosi di impastare e ho dovuto sbrigarmi. Ma nonostante tutto ci son riuscita. In una sacca versiamo la crema e ne mettiamo quanto ne desideriamo, al centro la nostra amarena e ricopriamo… Spennelliamo con il nostro tuorlo.

SAM_6706

SAM_6711

Non ho acceso il forno grande, ma un fornetto piccolo “sforna gusto”. È molto più potente, i suoi 120 gradi non sono gli stessi del forno tradizionale. Ho lasciato, quindi,  cuocere a 130 °C per 15 minuti, fino a doratura, teneteli d ‘occhio e non lasciateli cuocere troppo, rischiamo di lasciar asciugare troppo la crema.

Spolverizziamo di zucchero a velo, ma se non ne avete in casa, non fa nulla.

* Usiamo prodotti presenti in prontuario Aic, o con scritta “senza glutine”
SAM_6715

La vostra Monica 🙂

 

Tortino al cioccolato fondente.

Buon pomeriggio a tutti voi! Quest’oggi vi presento un dolcino buono buono, delizioso delizioso. A chi non piace? Eh purtroppo conosco una persona che non ” sopporta” il sapore forte del cioccolato fondente, povera ” lei”! 🙂

SAM_6353

Ho preparato questi tortini con amido naturalmente privo di glutine, l’amido di mais. Ecco gli ingredienti.

2 uova intere

1 bustina di aroma vanillina*

50  gr di burro

100 gr di cacao amaro*

100 gr di cioccolato fondente*

50 gr di zucchero

100 gr di amido di mais *

300 ml di panna fresca*

Per i nostri tortini abbiamo bisogno di questi stampini, imburrati e infarinati.

Come prima cosa, sciogliamo il nostro burro e il nostro cioccolato a bagnomaria, separatamente e lasciamo intiepidire. In una ciotola, montiamo le nostre uova con lo zucchero, fino a che diventino belle spumose e chiare. Aggiungiamo il nostro cioccolato intiepidito e il nostro burro a filo, sempre montando il tutto. Aggiungiamo l’aroma vanillina, l’amido e il cacao setacciati. Continuiamo a montare tutto il composto ed è arrivato il turno della panna liquida. Incorporiamola bene, sempre montando, per circa 5 minuti. Lasciamo riposare il tutto in frigo per 30 minuti.  Prendiamo i nostri stampini e li riempiamo con il nostro composto, un cucchiaio e mezzo circa per ogni stampino. Possiamo conservarli in frigo e cuocerli all’occorrenza in forno preriscaldato a  180°C per 10 minuti. Il trucco sta nel controllare i bordi del tortino. Se si staccano , il tortino è pronto , non deve cuocere troppo altrimenti possiamo dire addio al cuore liquido e caldo..come questo mmmmm!

SAM_6359

* Controlliamo sul prontuario Aic

La vostra Monica 🙂