Californiana

Buon pomeriggio.  Una californiana per il pranzo di domenica vi va?

SAM_9804

 Per la base, ho usato una vecchia ricetta di una crostata di kiwi. Alla farina richiesta ho sostituito il mix di farine naturalmente senza glutine di Un cuore di farina senza glutine. Mix mai provato e devo dire che son rimasta davvero soddisfatta. Ecco gli ingredienti del mix e quelli rimanenti per la base.

Ho seguito le quantità indicate:

230 gr di amido di mais (per me Amizea Molino Chiavazza)

65 gr di fecola di patate  (per me Farabella)

220 gr di farina di riso finissima (per me Farabella)

8 gr di xantano (per me Farabella)

Ho miscelato tutte le polveri e poi prelevato la quantità necessaria, vale a dire 225 gr.  I restanti grammi li ho conservati in una bustina pronti per il prossimo utilizzo. Qualora non doveste avere in casa queste farine naturalmente senza glutine, sostituite la quantità di farina con un mix che usate di solito per le crostate, aggiungendo però un uovo per volta, in modo da capire quanto assorbe la farina in uso.

Ai 225 gr di mix ho aggiunto

110 gr di zucchero a velo senza glutine ( per me S.Martino)

110 gr di burro a temperatura ambiente

1 uovo intero e 1 tuorlo

la buccia grattugiata di mezzo limone

1 pizzico di sale

SAM_9780

Lavoriamo il tutto come una normale pasta frolla. QUI il procedimento. Ho lasciato riposare 30 minuti in frigo. Trascorso questo tempo, ho steso la frolla non molto sottile,  foderato con la stessa  uno stampo a cerniera (imburrato e infarinato) del diametro di 24 cm, bucato con una forchetta la base.  Lasceremo cuocere a 200°C,  in forno preriscaldato, per 25 minuti; a 10 minuti dalla fine ho tolto la carta argentata.

Mi è avanzata della frolla  che ho prontamente congelato; se preferite, potete usare uno stampo anche di 28 cm in modo da foderarlo con tutto l’ impasto (preparando però due bustine di crema pasticcera).  Sulla frolla stesa, ho posizionato un foglio di carta argentata, con sopra dei pesi. Potete usare fagioli, ceci o i pesetti da cucina; io ho messo su delle forchettine di acciaio.

Come crema pasticcera ho usato il preparato per crema pasticcera S.Martino senza glutine. Ho usato una sola bustina della confezione preparando la crema secondo le indicazioni indicate sulla confezione. Se non avete la crema S.Martino trovate qui la ricetta.

Posizioniamo la base su di un piatto da portata, versiamo la crema e livelliamo.

SAM_9781

Ho decorato con banane, fragole, pesche e kiwi e menta. Per evitare che la frutta annerisca, spruzzate la gelatina a spruzzo della Fabbri sulla frutta.

 

SAM_9787

  SAM_9798

SAM_9795

La vostra Monica ❤

Crostata di ricotta, caramello e amarene ( conosciuta come Sofialoren)

Buon pomeriggio. Vi ricordate della mia crostata di ricotta ??  Ora vi racconto come l’ho conosciuta.  In uno dei tanti pranzi domenicali con sorelle…mariti e bambini…… al momento del dolce, in un vassoio bello grande….ho notato questo dolcino..in versione glutinosa e monoporzione con il nome di SofiaLoren ( non conosco la storia di questo dolce purtroppo, so solo che è prodotto da una pasticceria aversana molto famosa). Bhè dopo un primo tentativo ..ho apportato una leggera modifica all’impasto della base della crostata….

Questa volta ho aumentato le dosi…..

225 gr di farina ( io ho usato farina Farabella per dolci )

2 cucchiai di cacao amaro consentito

120 gr di burro

2 tuorli

la scorza di un limone

110 di zucchero a velo

1 pizzico di sale

Ecco il procedimento, con l’unica differenza di aver aggiunto il cacao alla farina. 🙂

SAM_7376

SAM_7381

Il cacao ha reso l’impasto molto friabile..ho quindi steso la pasta direttamente su carta  forno

Cottura  a 200 °C ( preriscaldato) per 30 minuti. Per la crema di ricotta: questa volta ho usato

600 gr di ricotta romana ( bella compatta)

150 gr di zucchero a velo ( se avete in casa Zefiro Eridania  va benissimo)

3 cucchiai belli pieni di caramello consentito ( ho usato mini topping Fabbri )

1 bustina di vanillina consentita ( conad con scritta senza glutine)

2 tappini di limoncello

Amarene quanto bastano per decorare ( Amarena Fabbri  per me)

Ho montato la ricotta con lo zucchero a velo con le fruste del mixer per 5 minuti, aggiungendo gli aromi e infine il caramello. Quando la nostra base sarà bella fredda…. ho versato la crema in una sac à poche ( senza beccuccio) e decorato  la base. No dimentichiamo le amarene (tagliate a metà e lasciate asciugare su di un tovagliolino di carta) , mettiamone a piacere  e infine…..una spruzzata abbondante di caramello.  Consiglio sempre di prepararla il giorno precedente..in modo da lasciar amalgamare i sapori.

SAM_7398SAM_7401SAM_7404

La vostra Monica 🙂

Crostata con Fiordifrutta alle pesche

Buon pomeriggio. Una nuova crostata è sparita! Divorata nel giro di poco tempo. Per fortuna son riuscita a scattare delle foto post cottura. 🙂

SAM_6876

Ho usato 350 gr di farina Molino Dallagiovanna preparato speciale pasta frolla

125 gr di zucchero a velo consentito

125 gr di burro

la scorza grattugiata di un limone

2 uova (erano piccole ecco perchè due, provate prima con un solo uovo)

1 pizzico di sale

5 gr di lievito per dolci

Marmellata di Pesche ( ho usato Fiordifrutta alla pesche Rigoni di Asiago)

Stampo crostata Pyrex 

Ho portato tutti gli ingredienti a temperatura ambiente. Ho versato in una ciotola il burro, lo zucchero, la farina, il sale, la scorza di limone e ho, con le mani,  sgretolato il burro. Ho aggiunto il lievito e le uova, quelle che avevo erano piccole, quindi ho avuto bisogno di due uova. Provate prima ad amalgamarne uno 🙂 Lavoriamo l’impasto fino ad ottenere questo composto.

SAM_6858

Ho lasciato riposare in frigo per 30 minuti! Nel frattempo ho imburrato e infarinato lo stampo da crostata Pyrex

Tic tac tic tac, trascorsi i trenta minuti riprendiamo la pasta frolla, impastiamola velocemente giusto per riscaldarla un pò, (teniamone da parte un pò per le strisce) stendiamola con il mattarello, non troppo sottile, e foderiamo lo stampo. Prendiamo la  nostra bella Firodifrutta e versiamo tutto il barattolo. Con la frolla tenuta da parte, prepariamo delle striscioline con cui decoreremo la crostata.

SAM_6864SAM_6868

Ho lasciato cuocere, in forno preriscaldato a 180 °C, per 30 minuti. Ricordatevi di controllare la cottura perché ogni forno è a sè.

SAM_6880

Morbida e profumata non si sgretola!

La vostra Monica 🙂

Crostata di ricotta, caramello e amarene

SAM_6802

Buon martedì. Domenica pomeriggio, ho preparato per me, una piccola crostata. Solo per me! Avevo in frigo una ricotta di 100 grammi , delle amarene Fabbri , del caramello e quindi ho voluto riprodurre un dolce, comprato in pasticceria, che ho più volte visto qui in casa.

120 gr di farina per dolci Farabella

60 gr di burro

1 tuorlo

scorza grattugiata di 1/2 limone

65 gr di zucchero a velo consentito

1 pizzichino di sale

Per una crostata più grande? 225 gr di farina, 120 gr di burro, 2 tuorli, la scorza di un limone, 110 di zucchero a velo, 1 pizzico di sale. Ed ovviamente raddoppiate anche gli ingredienti per la crema.

Burro a temperatura ambiente. In una ciotola versiamo la farina, lo zucchero e il burro e aiutandoci con il palmo delle mani sgretoliamo il burro, amalgamandolo bene alla farina e allo zucchero. Aggiungiamo un pizzico di sale, la scorza di limone e infine il tuorlo. Impastiamo fino ad ottenere un impasto omogeneo

SAM_6791

Ho lasciato riposare in frigo per mezz’ora. Ho imburrato e infarinato una stampo di media grandezza, ho steso la pasta con il mattarello ed ecco

SAM_6796

Ho ricoperto con un foglio di carta alluminio ritagliato su misura e per tenerla ferma ho messo su dei pesetti. All’inizio si usavano fagioli, poi han creato proprio dei pesetti di acciaio, ed io? Per tenere ferma la carta e far peso, ho messo delle forchettine di acciaio, ovviamente tutte d’acciaio, senza decori in plastica o altro 🙂 Ho lasciato cuocere nel fornetto piccolo, preriscaldato, a 150°C , perché più potente del forno grande, tenendola sempre d’occhio, per 40 minuti (forno grande  preriscaldato a 200 ° C per 20 minuti). Lasciamo raffreddare. Per la crema di ricotta invece:

100 gr di ricotta

un pizzico di cannella

60 gr di zucchero a velo consentito ( io ho usato Eridania con scritta senza glutine)

una bustina di vanillina consentita

1 cucchiaio di caramello consentito ( ho usato decorì con quella bella scritta “senza glutine” che tanto ci semplifica la vita :-))

Amarene Fabbri

La ricotta che avevo in casa era molto umida e cremosa, consiglio una ricotta più compatta. Ho montato la ricotta con lo zucchero a velo con le fruste del mixer per 5 minuti, aggiungendo gli aromi e infine il caramello.   Riponiamo in frigo, giusto il tempo che freddi la base. Versiamo la nostra crema in una sac à poche, e decoriamo la base. Le amarene? Ah si, mettiamone a piacere e infine….una spruzzata abbondante di caramello. Crostata veloce e leggera!

SAM_6808

     SAM_6797

La vostra Monica 🙂

Crostata alla confettura di albicocche

Ingredienti

300 gr di farina ( ho usato la farina Bi-aglut per pane e paste lievitate)
130 gr di zucchero
130 gr di burro
3 gr di lievito per dolci *
2 uova intere
1 bustina di vanillina *
Scorza grattugiata di limone
1 pizzico di sale
1 vasetto si confettura di albicocche Zuegg ( leggendo l’etichetta potrete notare la scritta Senza Glutine).*

Cari amici, rieccoci. Spero mi accompagnerete nella preparazione di questo nuovo dolce. Una fetta di crostata , come ottima merenda per i vostri figlioletti o, come nel mio caso, per i miei nipotini, che mi aiutano (si fa per dire) nella preparazione dell’impasto.
Una volta portati tutti gli ingredienti a temperatura ambiente potremo iniziare a lavorate la nostra pasta frolla. In una terrina setacciamo la farina, uniamo lo zucchero, il lievito, la vanillina (che adoroooo) , il sale e miscelate gli ingredienti. A questo punto uniamo il burro morbido , integrandolo alla farina con le dita; non dimenticatevi della scorza di limone e dell’uovo intero. Qualora l’impasto dovesse risultare troppo secco, provate ad aggiungere un altro uovo. Trasferite l’impasto su di un tavolo da lavoro e impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo (non lavorate molto l’impasto) che farete riposare in frigo per circa un’ora, avvolto in un pellicola trasparente. Dopo la “pennichella” di un’ora l’impasto può essere ripreso e lavorato pochi minuti.
La cucina di NiMo
Pronti? Conserviamo un po’d’impasto per le decorazioni e stendete l’impasto rimanente in una teglia da torta ben imburrata e infarinata, meglio se apribile. Cospargere la base di confettura (la mia dolce metà preferirebbe aggiungessi la crema di nocciole, ma per oggi va bene la confettura) e completare la preparazione con le decorazioni. Infornate per 25 minuti a 180 C°.
Un consiglio: non tutti i forni sono uguali, quindi è possibile che i tempi di cottura varino. Il bordo della vostra crostata deve dorare.
Allora qualcuno ha provato questa ricetta? Attendo vostri commenti.
La cucina di NiMo
Allora qualcuno ha provato questa ricetta?Attendo vostri commenti.

*Amici celiaci controllate sempre sul vostro prontuario i marchi consentiti, oppure usate prodotti con  la scritta “senza glutine”. 🙂